Mercoledì, 18 Maggio 2016 08:08

Pranzo

Scritto da

Tanti dei paesani che mi conoscono sia di persona come pure attraverso comunicazioni media sanno che a me piace mantenere contatto e amicizia con i paesani. Qui a Melbourne siamo in gran numero, anche se stiamo diventanto vecchi e piu' ristretti nei nostri movimenti. Certo che con l'eta' avanzata e con le malattie ne abbiamo persi tanti di quelli che erano nati in Acquaro. Io conosco la maggioranza dei paesani e cerco di mantenere contatto e amicizia con tutti.

Recentemente ne ho avuto il piacere di avere avuta l'opportunita' di andare a pranzo con due magnifiche signore paesane, Maria Caterina Giogha' e Nina Carnovale. Maria Caterina e' la moglie di (buonanima) Romolo Barilaro, Nina e' la figlia di Domenico Carnovale, soprannome in Acquaro (Vilata). Io conoscevo soltanto Maria Caterina perche' avendo sposato ad un paesano ci vedevamo di tanto in tanto a diverse funzioni. Con Nina non ci eravamo mai incontrati perche' lei avendo sposato a un non paesano non praticava i stessi luogi o funzioni. Con Nina abbiamo comunicato tramite email e al telefono.

Nei principi del mese di aprile siamo stati a pranzo assieme ad un ristorante italiano a Carlton. Abbiamo passato un paio d'ore assieme conversando maggiormente cose riguradanti al paese di Acquaro, abbiamo un po' parlato dei parenti che ancora si trovano in paese e di quelli che si trovano in altri posti in Italia o dove sia in Europa. Abbiamo parlato anche delle nostre famiglie e tante altre cosette. Piu' che altro siamo stati tutti e tre contenti del nostro incontro e delle nostre conversazioni e nello stesso tempo abbiamo rafforzata l'amicia.  E' stata una magnifica occasione.

Pietro Carnovale

 
Martedì, 22 Marzo 2016 21:33

Attimi

Scritto da

Come farfalle tristi
Nell'ora del declino
Pietre annerite dal sole
Del primo mattino
Attimi rubati al tempo
Di quell'età vissuta
Tra gesti usuali
Di vita passata
E s'ode un canto
Che accarezza
le imposte e l'uscio varca
Poi lentamente scende
I gradini sconnessi
Tornerà messer silenzio
A regnare sovrano
Tra quelle antiche stanze
Che sanno di pianto

Anna M. Chiapparo

Foto dal web

https://www.facebook.com/RicordieRaccontidiCalabria/photos/a.446988438759221/461051000686298/?type=1&theater

 
Domenica, 03 Gennaio 2016 21:39

La mia terra (Calabria)

Scritto da

La mia terra danza nel mare
e canta nel vento
Insegue stelle da regalare
come gemme preziose
a giovani spose
Raccoglie profumi e mesce essenze
in notti insonni di vetuste presenze
La mia terra geme solitaria
quando scompare la luna
e greve culla l’anima ribelle
Accarezza capi di orfani fieri
Raccoglie preci e desideri
Conforta vedove in ogni dove
Ascolta silente serenate d’amore
Tra anfratti, boschi e diroccati manieri
cela  ninfe ed avi guerrieri
Maestosa s’inchina ad antichi cavalieri
La mia terra è uno scrigno prezioso
di tesori nascosti da coltri pesanti
che lacerano l’aria 
con grida incessanti
La mia terra è un aratro 
dai solchi profondi
semina grano e raccoglie pane 
lenisce ferite lasciate dalle frane
Rimane mesta e dolente a meditare
sulla sorte, sempre più impotente
La mia terra muore di una lenta agonia
quando un suo figlio parte e va via

(Anna M. Chiapparo)

Poesia selezionata e pubblicata nella rispettiva antologia nel concorso "Il Federiciano 2015"

 
Martedì, 21 Luglio 2015 04:59

Anniversario Acquaro-Limpidi Social Club

Scritto da

Sabato scorso, 18 luglio 2015 a Melbourne, Australia gli acquaresi abbiamo festeggiato il 23simo anniversario dell'Acquaro-Limpidi Social Club. E' stata come altre volte una bellissima serata con la partecipazione di 200 ospiti, non tutti paesani. Ci stavano amici e parenti provenienti da altre regioni dall'Italia e da altri paesi della Calabria.

Era una cena danzante dove e' stata servita una cena abbastanza elaborata e tradizionale acquarese. La cena e' stata preparata sul posto dalle brave signore appartenenti all'amministrazione del club, anche loro tutte paesane. La musica al vivo dove tutti hanno potuto ballare. La pista di ballo era sempre piena di coppie che ballavano durante la serata.

Ci siamo tutti tanto divertiti in mezzo agli amici, paesani e conoscenti. Ai tavoli dove la maggior parte dei seduti si era paesani, si parlava maggiormente in dialetto acquarese. Si sentiva un senso di unita' parlare in dialetto e condividere le nostre storielle preferite. Le nostre storielle che sono accadute tanti anni fa, quando ancora eravamo al paese e molto giovani. Noi ancora le ricordiamo con tanta chiarezza e con tanto piacere. I tempi son cambiati e in tanti modi son cambiati per il bene ma tante cose della nostra gioventu', quando al paese, rimangono nelle nostre menti e a noi care. Caro e' rimasto a noi anche Acquaro e senza nessun dubbio cerchiamo di mantenerlo vivo e caro nei nostri cuori.

 
Mercoledì, 01 Aprile 2015 20:43

U gridu da 'Ndolurata

Scritto da

Fijju aduratu
di tutti abbandunatu,
‘ntisa dira da cundanna mentre
era ‘nta capanna duva ti criscivi
e ti cuntava ogni spanna.
Duva patrita piallava
mentre ti parrava.
Ti cìarcu fijjiu e non ti truavu.
Dimmi duva si, fijju aduratu
di lu cìalu mandatu.

Non aju cchiù lacrimi né suspira.
Non mi cridia ca accussì, jia a finira.
Viju aggìanti chi fujianu cuntianti
mu ti vidanu passare, o fijju
chi fini ti ficìaru fari!

Eccu, ti viju, fijju sbenturatu
cu nu pannu russu cumbojjatu.
Chi sta succediandu
supa ssu munti?
Cruci i lignu chiantati
e sordati arraggiati.
Mancu na guccia i sangu
mi ficiaru asciucare.
Mancu di mamma ti
puazzu abbrazzare.

Mi spingianu, fijju,
nommu ti viju, ma
su ccà, sutta a stu peniju.
Dimmi cuamu ti puazzu aiutare,
parrami fijju, non mi dassare.
Chi stai dicìandu, fijju aduratu,
di lu cìalu mandatu?
C’è viantu e non ti siantu,
eppuru sacciu ca mi vidi…
guardami fijju e
parrami ‘nto cuari,
dimmi ancora paruali.

Pe trent’anni ti criscivi
e sulu ti dassai
‘nta chiju uartu d’alivi.
Perdunami fijju mio aduratu ,
si no fu bona u ti dugnu aiutu.
Chi succeda a stu momiantu?
Scurau fijju e trema tuttu…
Non mi dira ca stai moriandu!
Non cia fazzu fijju, u campu
senza i tia, eppuru u sapìa,
ca st’ura venìa.

Fijju, fijju aduratu,
di tutti abbandunatu!
Sula restai sutta a sta cruci,
cchiù no siantu a vucca tua duci.
Eccu ti stannu scindiandu.
Cuamu nu saccu vacanti
Ti stannu jettandu.
Ora si ‘mbrazza ammìa
fijju mio duci…Quandu nascisti
‘nta chija grutta luntana,
già morivi supa a sta cruci.

Non aju cchiù lacrimi pe ciangira,
non aju hjiatu pe parrare.
Sula ccà, cu ttia vuajju stare.
Finiu u spassu pe
stu puapulu ‘ngratu.
Siti cuntianti?
Ammazzastuvu nu
fijju innocìanti
ca a tanti avìa aiutatu.
Ma vi perdunu cu u cuari ‘nte mani
cuamu vorrìa iju, a tutti pari pari.
Ora jiativinda ca no ccè nenta
chiù i vidira…U fijjiu a sta mamma
fatinci jiangira!

(Anna M. Chiapparo)

 
Mercoledì, 25 Marzo 2015 16:01

A vita è na rota

Scritto da

Vi para ca duarmu
supa a sta seggia,
ccà assettata
e ‘mbeci di penziari
‘ndaju na carrettata.
U tiampu, cu mia si divertiu.
Mi scavau cuamu
nu zappaturi, rivotandu
e sarchijandu a tutti l’uri.
Supa a sta hfacci,
rughi a no finira,
mi chiantau senza cura
e a vita lesta lesta,
mi stranghijiau
cuamu na minestra.

Mi tajjiaru chiji trizzi
accussì belli
chi m’incurunavanu
cuamu na reggina.
Ora, hajiu capiji jianchi,
curti e senz’amuri.
Na pettinata e su
subbitu arriggettata.
Non hannu tiampu
sti hfijji d’oja,
mu ‘ntrizzanu cannola.
Su stressati e ‘ndaffarati
e ‘nci fujianu i jornati.
Mai na parola i cunfuartu,
mai n’abbrazzata disijata.
Ciartu ca u tiampu
è disgraziatu!
Cu mia si divertiu
cuamu nu mascheratu.
Amuri e sdiagnu
siminau a tuttu schianu.

Guardu tuttu
e stajiu cittu cittu
‘nta stu cantu
duva mi posaru.
No parru ma
pianzu ‘ndolorata
a sta vita sbenturata.
A vui vi para ca su scema,
surda e rimbambita,
ma tuttu viju e siantu
di sta vita sdarrupata.
Ciartu, ora su vecchia,
ciunca e arrunchiata,
ma no penzati
ca sugnu ‘ntronata.
A nenta siarvu e
diventai nu pisu,
ma na cosa vuajjiu
u vi dicu:

- "Fijji mia cari, ‘ndaffarati,
chi cchiù tiampu,
pe mmia non aviti,
è inutili ca v’affannati e fujiti…
a vita è na rota
chi gira e vota.
Oja ammìa,
domani tocca
a attìa sta fermata.
Finda ca era bona
a e vi servia,
mamma e nanna adurata,
ora restai sula
e abbandunata.
A vucca mia no parra e no
dicia nenta, stanca sugnu
i stare supa a sta terra.
Priagu notte e
juarnu u Signuri
mu mi caccia i sti doluri.
No ssu doluri d’ossa
e di vecchiajia,
ma doluri di “mannaja”!

Si sapìa, fijji non
‘nda hfacìa!
Miajju suli e sbenturati,
ca suli e abbandunati.
Ma a vita è na rota.
Oja gira, domani vota!
Cerca cuntu e
non ‘nda duna,
‘nci vola sulu bona fortuna!” -

(Anna M. Chiapparo)

(Fotografia di Radu Albu - dolore)

 
Mercoledì, 25 Febbraio 2015 21:05

Non sono poeta

Scritto da

Non sono poeta
che canta l'amore
che ascolta il silenzio
pregando alla luna
Non sono poeta che
si perde nell'orizzonte
vagando nell'infinito
Non cerco speranze
perdute e ricordi svaniti
Non sono autrice
di versi inventati
presto scordati
lasciati in giro
da penne consumate
su fogli ingialliti
Sono messaggera di
note dal cuore
che osserva nascosto
quel che la vita muove
Sarò poeta quel giorno
in cui il silenzio assordante
tacerà per sempre
in un sogno nascente

Anna M. Chiapparo

 
Domenica, 15 Febbraio 2015 21:16

Il mio canto

Scritto da

Da colline assolate
s’alza il mio canto
cavalca nuvole
piene di vento
sconfina oltre
l’orizzonte infinito
Si nutre di silenzio
e beve pioggia
a levare l’arsura
dal cuore intorpidito
si veste d’azzurro
e di coltri stellate
poi dolcemente
si placa
nel mondo dei
sogni sopiti
Tornerà soave
e leggero
a cullar
nuove giornate

Anna M. Chiapparo

 
Martedì, 27 Gennaio 2015 19:50

Come morte foglie

Scritto da

C'era freddo
e un vento gelido
scuoteva 
le esili ossa che 
non reggevano più nulla
Scheletri vaganti nella 
nebbia dell'acre fumo
E c'era freddo che 
gelava la vita
nell'assurdo calore
di un forno

E c'era vento che 
disperdeva un canto
di morte nell'aria
Moriva la speranza
ferita dal filo spinato
dentro la gioia
di bimbi ammassati
come foglie morte
ai cigli delle strade

sepolcri di sorrisi

Non c'è più tempo
per ricordare
Passano gli anni
e il vento stornella
lento un triste canto
che s'alza nella nebbia
senza sole
Acre sempre è il suo odore
C'è freddo ed ancora si muore

(Anna M. Chiapparo - In ricordo della Shoah)

Immagine dal web

 
Martedì, 27 Gennaio 2015 19:42

Vecchie fotografie

Scritto da

(In ricordo della Shoah)

-Perché piangi?-
-Ho perso la valigia… dev’essermi caduta mentre spingevano per farci salire sul treno.-
-Mi spiace. Avevi molte cose dentro? Se vuoi ti do un vestito dei miei, ma tanto non ci serviranno…-
-Già… non ci serviranno abiti dove andiamo. Dicono che ci daranno delle divise. “Le loro divise”.
Diventeremo tutti impiegati dei tedeschi.-
Calò il silenzio nella penombra del vagone affollato. Nessuno parlava più. Ogni tanto dall’ unica finestrella serrata, su in alto, diventava tutto buio, poi sembrava vedere l’ombra di qualche ramo che strusciava, poi il cielo all’ imbrunire… Pian piano il silenzio divenne irreale e s’udiva solo lo sferragliare delle rotaie arrugginite sui binari. Molti dormivano stanchi. Tutte le donne avevano un bambino al petto che accarezzavano e rincuoravano. Il sonno sembrava dare una parvenza di serenità. Tutto pareva normale e quegli uomini sembravano un gruppo di migranti partiti a cercar fortuna lontani dalla guerra.
-Dormi?- -No, non ho sonno... Fa freddo.-
-Già, ma dovremo abituarci al freddo. Alla neve…-

-Fotografie- 

-Cosa?-

-Fotografie conteneva la mia valigia. Tutte le foto più care dei miei familiari. Mio padre e mia madre con me piccolo, in braccio. Alcune dei miei figli da bambini…una rara di mio nonno…-
-Perché rara? Era uno importante tuo nonno?-
-No. Erano le fotografie ad essere rare ai suoi tempi. Suo figlio, fratello di mio padre, era fotografo e grazie a lui in famiglia avevamo quasi tutti una foto nostra o di gruppo. Ricordi che abbiamo custoditi con cura ed io oggi li ho persi. Oggi ho perso la mia famiglia.-
-Dove sono i tuoi figli e tua moglie?-
-Mia moglie non c’è più da due anni e sono quasi contento perché ha avuto risparmiato tutto questo. I miei figli, due ragazzi di 24 e 26 anni, sono qui dentro.-

Li indicò nel buio e sentì che anche loro dormivano.

-Non pensarci allora. La tua famiglia è qui con te.- -Già. Ora è qui con me la mia famiglia. Domani chissà…-

Ripiombò il silenzio nel vecchio vagone dall’ aria pesante. Erano tutti seduti alla meno peggio, stivati come animali. Ogni tanto s’udiva un gemito di bimbo che s’agitava nel sonno scomodo.
Dagli occhi dei due uomini, calde lacrime solcarono il viso senza che l' uno s’accorgesse dell’altro.
Non parlarono più.
Che vuoi che sia una vecchia valigia piena di ricordi per un uomo che domani diventerà solo un numero o…acre fumo che lorderà l’aria?
Che vuoi che siano i ricordi di tante vite annientate da barbara crudeltà?
Un giorno, forse, qualcuno ritroverà quella valigia e magari andrà alla ricerca dei visi impressi nelle foto… potrebbero già essere esposte in un museo della memoria.
La memoria. Che vuoi che sia la memoria se da quegli occhi non spuntano più lacrime, seppur amare?
Cigola nella lunga e fredda notte un vecchio vagone arrugginito pieno di milioni di piccole, vecchie, ingiallite fotografie che raccontano storie…
per non dimenticare.

(Chiapparo Anna Maria)

(Tutti i diritti riservati a norma di legge)

Immagine dal web

 
Pagina 2 di 17