Venerdì, 30 Agosto 2013 19:09

La poesia esiste perché è bella

Pubblicato da 
Vota questo articolo
(1 Voto)
"Il mondo è un mattatoio, solo la poesia dà rifugio".Seamus Heaney, premio Nobel per la letteratura "Il mondo è un mattatoio, solo la poesia dà rifugio".Seamus Heaney, premio Nobel per la letteratura

Oggi è morto oggi ,all'età di 74 anni, Seamus Heaney,considerato uno dei maggiori poeti del Novecento, al punto di essere premiato con il Nobel alla Letteratura nel 1995. Nato nell'Irlanda del Nord nel 1939, Heaney ha portato il suo paese e le sue tradizioni all'interno della sua poetica riuscendo però a fondere nei suoi versi il provincialismo irlandese con l'universalità dei sentimenti umani, il passato con il presente e il futuro.

La poesia di Heaney è senza tempo. Parla di un'Irlanda arcaica, che emerge dai ricordi d'infanzia dell'autore e dalle suggestioni che coglie nei suoi vagabondaggi. Parla della natia contea di Derry. Delle torbiere. Dei fiumi dove si pesca il salmone.

Dei campi arati. Dei tetti di paglia e delle fucine dei fabbri.

Dell'acqua, onnipresente ("L'oceano e il canale/ schiumeggiano alle chiuse nere/ d'Irlanda").

Un mondo fisico che va oltre il linguaggio, e che non può essere pienamente descritto, perché ciò che separa la realtà dalla parola è la vita stessa.

E con la sua poesia Heaney, acculturato discendente di contadini, cerca di farsi mediatore tra natura e scrittura, e a comunicare l'incomunicabile. Nella consapevolezza che la penna è più leggera della vanga, ma che con qualcosa bisogna pur scavare. In parte Heaney riesce nel suo intento: infatti il Nobel gli è stato conferito per le opere «di lirica bellezza e profondità etica, che esaltano i miracoli quotidiani e il passato che vive»

Tra l'indice e il pollice riposa
La mia penna tozza e comoda come una pistola.
Sotto la finestra il suono netto e stridulo
Della vanga che affonda nella terra ghiaiosa:
mio padre, che scava. E guardo giù
Finché la schiena gli si abbassa tra le aiuole
E torna su vent'anni prima
Piegandosi a tempo tra le piante di patate
Dove sta scavando.
(…)
Ma io non ho la vanga per seguire uomini così.
Tra l'indice e il pollice
Ho la penna.
Scaverò con quella.
Le notizie sul poeta sono state tratte da varie fonti del Web .



Letto 2720 volte Ultima modifica il Venerdì, 30 Agosto 2013 19:33
Carmela Rodolico

 

 

  

 

 

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.