Sabato, 12 Aprile 2014 17:33

Sognando l'infinito

Pubblicato da 
Vota questo articolo
(3 Voti)

Autore: Antonio Vecchio (Costante)

 

 

Le pupille, socchiuse alla calura

scrutano lontano, a sol levante

quella linea marcata su acqua scura

che si è usi indicar come orizzonte

 

Par davvero il punto ben preciso

dove il cielo s'incontra con il mare

si fondono tra loro, d'improvviso

come per sortilegio naturale

 

Volgendo lo sguardo della mente

cerco di capir quello che avviene

al di là del confine assai distante

che delimita la magica fusione

 

E assorto a meditare quel mistero

con lena da singolar cimento

non avverto il torpore passeggero

che induce a vago smarrimento

 

Senza esitar mi libro, pur leggero

e muovo a quella linea ancor lontana

fluttuo nell'aria, impavido guerriero

e varco, poi, la soglia tanto strana

 

Ed ecco che mi appare l'Infinito…

grandiosi spazi vibrano nel vuoto!

E terra e cielo e mar... tutto è sparito

nel silenzio solenne, tutto è immoto!

 

E quelle dimensioni surreali

mi infondono un'estasi interiore

ancor m'è dato di volar senz'ali

e veder, dell'Universo, lo splendore

 

E mi coglie sublime commozione...

non v'è limite ad umana meraviglia!

Stupenda ed armoniosa sensazione

prende la mente ed i pensieri imbriglia

 

E osservo incantato e tutto ammiro

di quell’immenso vuoto siderale

se guardo avanti oppur se mi rigiro

mi avvince uno scenario celestiale

 

Quel che contemplo non lo so narrare

però, mi dona pace e visibilio!

Quand'ecco che, da magico torpore

mi scuote voce gaudia di mio figlio…

 

apro gli occhi all’istante...

sono sveglio!

 

Componimento tratto dall'opera: "Le dimensioni dello Spirito"  (ed.Calabria Letteraria)

 

Opera pubblicata ai sensi della vigente normativa in materia.
Tutti i diritti riservati. (costante)

 

Il poeta Antonio Vecchio è uno scrittore calabrese nato  e residente a Montepaone

"Sognando l'infinito" è stata selezionate nel primo evento poetico letterario nazionale, nella giornata mondiale della poesia, intitolato al grande Poeta recanatese Giacomo Leopardi ed inserite nella relativa raccolta antologica. Già da piccolo, lungo il percorso scolastico, si scopre amante della letteratura e dell'arte in genere, prediligendo musica, narrativa e poesia. Inizia così a dilettarsi/cimentarsi in queste forme artistiche divenendone sempre più appassionato cultore e, per la poesia, si accosta soprattutto allo stile classico. Persona molto sensibile, possiede capacità introspettiva ed evocativa di sentimenti e tradizioni familiari/culturali in genere, elevando inoltre ad universali propri moti interiori e di pensiero. A fine 2008, esce in veste editoriale la sua prima silloge "Le dimensioni dello spirito" (Calabria Letteraria Editrice) riscuotendo buon apprezzamento. La sua poetica, ricca di espressioni autentiche e supportata dal desiderio di scandagliare e veicolare pensieri, emozioni e sentimenti, compenetra l'umanesimo in genere, offrendo anche notevoli spunti di verità in mezzo a tante finzioni, sempre con equa prudenza e spessore analitico nella selezione degli eventi e dei relativi aspetti. Altre sue raccolte sono già pronte per la fase editoriale. Ha partecipato ad alcuni eventi letterari, riscuotendo soddisfazione e riconoscimento con alcune sue liriche che hanno trovato spazio nelle relative antologie, risultando selezionate dalle giurie tra quelle più meritevoli.

(Stralci di un articolo di Gianni Romano su Soverato notizie)

 

Letto 1308 volte Ultima modifica il Giovedì, 29 Maggio 2014 12:57

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.