A Sant'Alessio

Hacìmu cuamu hice Sant'Aliassiu,
pigghjiau mugghjiari e non 'nci cumbenia.

All'uattu juarni chi ssi maritau,
la spasa e li bicchera ammianzu jianu.

Maria si vota tantu spaventosa:
oh Aliassiu, Aliassiu chi cuasi su chissi?

Ccittu Maria e chjù non spaventare,
ca chissu è nu santu vutu c'avia a fare.

Io hice vutu mu giru sett'anni,
sett'anni a sette a sette miserere.

Mentre su santu vutu avivi a ffare,
pecchì pigghjiasti a mmia pè cara sposa?

Maria 'nci dau l'aniaju e lu specchjiale:
ricordati di mia quandu ti 'nda viani.

Maria si mise 'mpinestra di lu mare
mu vide quandu vene lu pallagriniaju.

Pallagriniaju mio chi di mare vìani,
vidistuvu a Lucriazia, a lu romanu?
Io arzira mangiai e 'mbippa cud'Aliassiu.

Mentre sa Santa nova mi portasti
ti vuagghjiu hare mangiare e 'mbivire.

Non vuagghjiu nommu mangiu e nommu 'mbivu
sulu nu letticiaju a la tua scala.

E 'nta lu hilu di la menzannotte
suli si liberaru li campani e suli s'accendiru li candili.

Non si 'ntisaru mai tribuli tuani
para ca sugnu l'angiali soprani o veramente l'amoroso Dio.

Jiru e s'addunaru sutta a la scala
e vittaru a Sant'Aliassiu chi spirava.

Maria si mise pemmu lu giurija
e 'nci trovau l'aniaju e lu specchjiale.

Io t'aspettava cu tanti allegrizzi
e mmo ti viju muartu 'nta ssi mundizzi;

io t'aspettava cu tantu splendore
e mmo ti viju muartu 'nta ssu scalone.

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.