In Australia

EMIGRAZIONE IN AUSTRALIA
DI VALERIO COLACI CON LA COLLABORAZIONE DI DOMENICO GIOFRE'

LEGGI AMERICANE RESTRITTIVE DELL'EMIGRAZIONE

Tra il 1917 e il 1924 la porta d'oroamericana cominciò a diventare più stretta. Nel 1917 fu approvato il Literary Test, una legge restrittiva e selettiva insieme, che chiudeva le porte del continente americano agli immigrati che non sapevano né leggere né scrivere. Nel 1924 una nuova legge, il Quota Act, stabiliva una quota massima annuale d'immigrati che potevano essere accettati da ogni altra singola nazione del mondo, preferendo gli stati del Nord a quelli del Sud d'Europa. Uno dei Paesi maggiormente colpiti da queste limitazioni fu l'Italia.


CRISI AMERICA LATINA

Contemporaneamente, i paesi dell'America Latina, in particolare L'Argentina, iniziarono ad essere attraversate da sempre più frequenti crisi economiche.


POLITICA RESTRITTIVA FASCISTA E SECONDA GUERRA MONDIALE

A ciò si aggiunga la politica fascista volta all'incremento demografico e, dunque, restrittiva dell'emigrazione. Secondo il regime, infatti, l'emigrazione rappresentava una perdita di energie utili che portava all'indebolimento della nazione, e per questoandava combattuta puntando sull'incremento delle nascite.

Infine, l'avvento della seconda guerra mondiale.


L'EMIGRAZIONE VERSO L'AUSTRALIA

Queste ed altre congiunture fecero sì che il flusso verso le Americhe, poco a poco andasse scemando. Non fu così per i problemi della Calabria e del nostro Acquaro. Questi perduravano e continuarono ad alimentare l'emigrazione. Così, dal secondo dopoguerra, con particolare ed impressionante intensità a partire dagli anni '50, una nuova meta cominciò ad affacciarsi all'orizzonte dei nostri compaesani, attraendo flussi sempre maggiori di gente che percorrevano la strada di un sogno, costellata d'ostacoli, nella speranza di una sorte migliore. Gli acquaresi, qualche centinaio di anni dopo il capitano James Cook, scoprirono anch'essi l'Australia, il continente nuovissimo che dava grandi opportunità stimolando un nuovo immenso flusso migratorio. Per l'Australia, i nostri compaesani, partivano prevalentemente da due porti, Messina e, più raramente, vista probabilmente la maggior distanza, Napoli.


COMPAGNIE DI NAVIGAZIONE ED AGENZIE

Dalle notizie che abbiamo raccolto, le compagnie di navigazione che facevano la spola tra il vecchio continente e quello nuovissimo, erano prevalentemente 2: Il Lloyd Triestino (ex Lloyd austriaco), la compagnia di navigazione più antica d'Italia, e la flotta Lauro. Ognuna delle compagnie, nel periodo del pieno flusso verso tale meta, aveva un'agenzia che organizzava il viaggio: per il Lloyd il viaggio veniva prenotato presso il signor Nicola Crupi, mentre, per la flotta Lauro i biglietti erano venduti da Fortunato D'Agostino.


LE NAVI

Tante le navi su cui gli acquaresi misero piede. I loro nomi susciteranno in molti di voi tanti ricordi, più o meno piacevoli.

Alcune di queste si chiamavano:

"UGOLINO VIVALDI", che, a quanto ci è stato riferito, fece un unico viaggio per l'Australia nel '46, per essere poi dismessa da questa rotta perché troppo piccola ed inadeguata ad affrontare un simile tragitto.
"AUSTRALIA" costruita nel 1951 (gemella della nave "OCEANIA" e della "NEPTUNIA"). Aveva 13.140 tonnellate di stazza, presentava una lunghezza di 161,1 metri ed una larghezza di 21,1 metri, poteva sviluppare 18 nodi marittimi di velocità e ospitava 672 passeggeri.
"NEPTUNIA" (Lloyd Triestino), costruita nel 1932 con una stazza di oltre 11 mila tonnellate a vuoto per una capienza di circa 1000 passeggeri. Una sua caratteristica erano le cabine intercambiabili. Questo permetteva di variare i posti, a seconda delle richieste. Era una delle navi più vecchie durante il boom dell'emigrazione degli anni '50, assieme alla gemella "OCEANIA", anch'essa del Lloyd, erano, al momento del varo, i due più veloci mototransatlantici al mondo con una velocità di 22,56 nodi.
"SYDNEY" (Flotta Lauro), il transatlantico detto anche "la nave delle spose" perché portava in Australia decine di ragazze maritatesi per procura, matrimoni che venivano spesso fatti con la frode, e a volte i mariti, conosciuti solo per foto, non corrispondevano poi realmente all'immagine riprodotta e ci è stato detto, per tale ragione, le spose, a volte, addirittura si rifiutavano di scendere dalla nave. Dalle informazioni che abbiamo raccolto, la Sidney era una delle due sole navi della flotta Lauro, con la "ROMA", a fare la rotta per l'Australia.
Poi, ancora, "GALILEO GALILEI" e la gemella "GUGLIELMO MARCONI". Costruite agli inizi degli anni '60, erano le più moderne e le più grandi navi passeggeri mai possedute dal Lloyd Triestino ed anche le più grandi mai impiegate sulle rotte fra il Mediterraneo e l'Australia. Costruite con accorgimenti all'avanguardia per i tempi, tanto da meritarsi un premio, erano lunghe più di 200 metri ed avevano una capienza di circa 1600/1700 passeggeri, qualche centinaio più di mille dei quali in terza classe. Il 30 novembre 1966 la Guglielmo Marconi investì ed affondò a Messina il rimorchiatore Pioniere che l'assisteva nelle operazioni di partenza. Il 30 dicembre 1975 giunse a Genova dall'ultimo viaggio in Australia. Il 12 gennaio 1975 la Galileo Galilei urtò contro un oggetto sommerso lungo l'Africa Occidentale mentre era diretta in Australia e fu costretta a poggiare su Dakar, per un'ispezione allo scafo. A causa dei danni riportati dovette rientrare a Genova per sei settimane di lavori.

PIONIERI ED INIZIO ONDATA

I pionieri, primi ad imbarcarsi nell'avventura verso il continente nuovissimo, aprendo la strada verso quella che sarà la seconda tappa privilegiata, dopo le Americhe, come nuova patria furono due acquaresi, il signor Domenico Antonio Lanciana ed il signor Pasquale Macrì che, nel 1921, in compagnia di altri undici persone di Limpidi, tra cui i signori Gaetano Figliuzzi, Ferdinando Giofrè, Pietro Muratore, e di tanti altri calabresi, siciliani e lucani, sfidarono la dea bendata e, allora da Napoli, presero i mari sul piroscafo San Russore, della cui esistenza non siamo riusciti però a trovare riscontro, impiegando, pensate, per arrivare a destinazione, ben 74 GIORNI.

All'inizio, non trattandosi di manodopera specializzata, gli acquaresi che si recavano in Australia, continuavano a svolgere l'occupazione che svolgevano ad Acquaro, lavorando nei campi. Un lavoro duro, cui però erano abituati. Ci è stato raccontato che alcuni acquaresi, impegnati durante le torride estati, a tagliar felci, probabilmente per preparare il campo alla semina, arsi dalla sete, non avendo acqua, mettevano in bocca un pugno di terra. Dava loro un senso di freschezza al palato.

La vera e propria ondata migratoria verso la nuova meta, quella di cui, ovviamente, siamo riusciti a raccogliere la maggior parte delle informazioni, prese l'avvio a partire dal secondo dopoguerra, in particolare, fine degli anni '40 inizio '50. Da allora, fino almeno agli inizi degli anni '70, un flusso continuo, immenso ed ininterrotto di giovani del nostro paese iniziò a varcare i mari alla ricerca di un lavoro per un futuro più dignitoso.


IL VIAGGIO

Il viaggio era una vera e propria odissea della durata, circa, di un mese. La nave, salpata da Messina o da Napoli, faceva il primo scalo, dopo 3 GIORNI di navigazione, a PORT SAID, città all'imbocco del CANALE DI SUEZ. Qui, non si sa bene perché, forse per lasciar spazio a personale più esperto nell'attraversamento in uno spazio così ristretto, l'equipaggio italiano scendeva, lasciando la nave a quello egiziano, che riscendeva all'arrivo nel MAR ROSSO, facendo risalire quello italiano.


VIA GIBILTERRA

A volte capitava che il canale venisse chiuso per sciopero o qualcos'altro (la CRISI DI SUEZ del '56, ad esempio, il conflitto che vide opposti Gran Bretagna, Francia e Israele all'Egitto a causa della nazionalizzazione della Compagnia (anglo-francese) del canale, da parte del presidente egiziano Nasser. Tale crisi portò alla chiusura del canale per circa un anno). In questi casi le cose si complicavano, perché si doveva attraversare lo STRETTO DI GIBILTERRA e circumnavigare l'AFRICA, facendo scalo al CAPO DI BUONA SPERANZA, e da qui direttamente a FREMANTLE, in Australia, accrescendo di parecchi giorni la durata del viaggio.


VIA SUEZ

Per fortuna questo accadeva raramente e, la rotta normale era quella attraverso il CANALE DI SUEZ, oltrepassato il quale, la nave giungeva nel MAR ROSSO, fermandosi ad ADEN, città dello YEMEN all'altro sbocco del CANALE, che era un porto franco dove il combustibile era a buon mercato. Fatto rifornimento, la nave della speranza ripartiva alla volta dell'OCEANO INDIANO e, dopo altri 10 giorni di mare, toccava le coste di una nuova tappa del viaggio, COLOMBO, nello SRI LANKA, a sud dell'INDIA. Poche ore di sosta e si ripartiva alla volta di FREMANTLE, il primo porto dell'Australia, dove si giungeva dopo altri 10 giorni di OCEANO. Un giorno ed una notte di sosta e, via di nuovo verso Melbourne, altri cinque giorni di viaggio e si arrivava finalmente a destinazione.


VIAGGIO SUL NEPTUNIA

Raccontato così, il viaggio non stupisce per altro se non per la sua durata. Ma, come si svolgeva questo viaggio? Com'era la vita sulla nave.

Siamo riusciti a recuperare la descrizione di un viaggio dalla motonave "Neptunia", una delle più vecchie navi a fare questa tratta negli anni ‘50/'60.


LA NAVE

Come detto, il "Neptunia" ospitava circa 1000 passeggeri. La piccola minoranza (poche centinaia) che viaggiava in prima classe era ospitata in uno spazio che occupava i 2/3 della nave (verso prua, cioè nella parte anteriore della nave). Il resto dei passeggeri (750/800 emigrati) erano alloggiati nel rimanente terzo (verso poppa, sulle eliche, dove il movimento della nave sulle onde si faceva più sentire), la cosiddetta Classe Turistica, la quale, a sentire questo racconto, di turistico aveva poco. Tali turisti dormivano in cameroni, divisi tra uomini e donne, con una cinquantina di posti in letti a castello. Tali locali erano solo adattati a dormitorio. In realtà non erano altro che stive di carico della nave. Infatti, nel viaggio di ritorno i letti venivano smontati e le stive riempite di balle di lana grezza, allora principale merce di esportazione australiana.


PARTENZA DA REGGIO

La nave, come detto, partiva da Messina. Una volta ci fu un singolare esperimento fatto da un ministro calabrese della Marina Mercantile, il quale pensò che i poveri corregionali emigranti non dovessero recarsi sino a Messina per imbarcarsi per l'Australia, e fece fare scalo al Neptunia anche a Reggio Calabria. L'esperimento e le buone intenzioni, sicuramente elettorali, del ministro calabrese, non ebbero però vita lunga. Il porto di Reggio, infatti, era estremamente piccolo e, già al primo tentativo, per un miracolo la Neptunia, 11 mila tonnellate di stazza, non si sfracellò sugli scogli. Gli emigrati si dovettero rassegnare e continuare ad attraversare lo stretto.


LE DONNE SULLA NAVE

Da tale racconto, fatto da un Commissario di Bordo, le donne provenienti da realtà caste come la Sicilia o la Calabria, dove la donna doveva mantenere un certo decoro, arrivavano sulla nave bardate in modo tale che non si vedesse nemmeno un Cm. di pelle, e, così vestite, affrontavano tutta la traversata, incalzate anche dal cappellano di bordo il quale, senza sosta, le metteva in guardia sui pericoli che le attendevano in un Paese straniero e - forse - senza Dio. Immaginate cosa passavano queste povere donne quando, soprattutto nell'attraversamento del Mar Rosso, nei locali interni e nei cameroni, privi di aria condizionata, la temperatura saliva a circa 40-45 gradi centigradi.


IL MONSONE

Altro tormento, per tutti, era il monsone, il forte vento che soffia, da maggio a settembre, in INDIA e nell'OCEANO INDIANO. Le navi del Lloyd Triestino che andavano in Australia erano piuttosto corte e alte e con il monsone di traverso ballavano e sbandavano, per la gioia degli stomaci dei viaggiatori. In tali condizioni, il ponte della nave era letteralmente ricoperto da corpi distesi ed inanimati, che si lamentavano di stare morendo e rifiutavano ogni cibo e bevanda.

Un viaggio, dunque, che era una vera e propria peripezia che stremava anche il più robusto dei passeggeri. Un sacrificio enorme per un lungo viaggio verso un mondo assolutamente “ignoto”, che si affrontava perché la speranza di un futuro migliore, faceva passare in secondo piano qualsiasi altra considerazione.


Nota: Questo testo è stato scritto in occasione della Festa degli Emigrati del 2008.

Commenti   

Drago Giuseppe
# Drago Giuseppe 2012-01-07 13:53
Egregio Direttore,
sono un passeggero della nave Galileo Galiei salpata da Messina nell' Aprile Maggio 1968 per l'Australia e ritornato l'anno dopo in Italia. Sarei lieto di sapere la lista dei passeggeri e in special modo se vi è Alvaro Bracci all'andata e sapere anche quelli del ritorno.
La ringrazio sentitamente.
Giuseppe Drago
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Domenico
# Domenico 2012-01-07 19:42
Salve signor Drago,
da quello che ho visto girando su internet non è possibile trovare, salvo alcune eccezioni, le liste complete dei passeggeri che emigrarono in Australia.
Comunque ho potuto vedere su un sito che lei partì, a bordo della Galileo Galilei, il 13 Aprile 1968 e che il signor Bracci Alvaro giunse, sempre a bordo della Galileo Galilei, in Australia nel maggio del 1968. Considerato il tempo che occorreva per giungere nel nuovissimo continente, un mese circa, è facile dedurre che lei e il signor Bracci faceste il viaggio insieme.
Le invierò per email le pagine web su cui ho trovato queste informazioni.
Le mando cordiali saluti.
Domenico
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Anna  Munaro
# Anna Munaro 2012-01-21 22:02
Stata passeggera della Galileo Galilei nel viaggio di ritorno dall'Australia nell' agosto del 1963, sotto il comando del Comandante Caorsi.
Mi piacerebbe avere notizie sul Comandante.
Se qualcuno potesse darmi notizie ne sarei felice.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
marisa
# marisa 2012-09-17 19:01
sono partita dall'australia il 1 luglio del 1970 e arrivata a messina il 10 agosto dello stesso anno. Ero solo una bambina di 10 anni. Mi piacerebbe sapere di preciso le citta' dove la galileo galilei ha attraccato e poter vedere la cabina che occupavo insieme al mio papa' e alla mia mamma. I nostri nomi sono interlandi francesco, lo giudice giovanna e marisa interlandi. Grazie in ogni caso.
ps mi ricordo di un signore che lavorava sulla nave che si chiamava bonanini, per favore datemi risposta , grazie ancora
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Guido
# Guido 2012-11-12 23:35
Egregio Direttore e carissimi lettori tutti, io ho viaggiato sulla MN SYDNEY della Flotta Lauro nel 1959. Partenza da Genova e arrivo a Sydney il 27-giugno-1959.
Undici anni dopo mi ritrovo ancora in compagnia della Flotta Lauro a fare il giro del mondo, 'sta volta sulla MN ANGELINA. Partenza da Sydney e arrivo a Genova nel marzo del 1970.
Entrambe le MN sono andate in disarmo da tempo, se non sbaglio. Peccato, mi avrebbe fatto piacere farle vedere ai miei figli.
Ho saputo che nel '59, all'arrivo un canale televisivo australiano ha mandato in onda delle immagini riprese nel porto di Sydney dello sbarco dei passeggieri dalla MN Sydney. Dubito sia possibile, ma se qualcuno sa darmi delle indicazione per recuperare quelle immagini mi farebbe un grande piacere.
Grazie per avere letto fino qua e complimenti ai gestori del sito. Guido.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
egizio bosio
# egizio bosio 2012-11-23 10:58
mio padre era uff. di coperta sul roma fino al 52/53 ho parecchie foto del tempo e cerchero di metterle in rete ( non ci prendo molto con il compiuter) a presto egizio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
roberto santarossa
# roberto santarossa 2012-12-26 21:41
Ringrazio con vero piacere il vostro articolo e le notizie che ho trovato, cercando una qualche foto della " Guglielmo Marconi" , nave che ha portato la mia faniglia ed io da Genova a Fremantle, il 31-12-1971, dopo aver circumnavigato l'africa ed un mese di navigazione. Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
mauro
# mauro 2013-03-04 15:32
ciao Marisa anchi'io ho fatto il tuo stesso viaggio giungendo a Napoli 11/08/1970....p ensa abbiamo fatto lo stesso viaggio insieme.....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
mauro
# mauro 2013-03-04 15:36
x marisa ricordo benissimo lo scalo di messina...ed anch'io avevo 10anni
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
1mauro
# 1mauro 2013-03-04 15:54
:lol: ce nessuno che ha fatto lo stesso viaggio ps...
ma Marisa da dove sei partita? io da sydney e sono arrivato 11/08/1970 a napoli a bordo della G.Galilei
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
carmen
# carmen 2013-04-12 11:45
Salve a tutti, leggendovi mi e' venuta volglia di scrivere, forse non ho perso propriio tutte le speranze..
da circa un anno sto cercando di aiutare il mio compagno a cercare le sue origini.
Suo babbo, Alessandro Emiliio (cognome) nato il 3/4/ 1938 a Trieste e' emigrato in Australia giovanissimo perdendo ogni contatto con la sua famiglia. Ora a quasi 80 anni vorrebbe riavere dei contatti e io sarei felice di aiutarli visto che nessuno parla piu italiano..
spero qualcuno possa aiutarmi visto che anche io al momento mi trovo in australia..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Lino
# Lino 2013-06-11 23:51
Buonasera a tutti. Se qualcuno avesse notizie dell'affondamen to o avesse foto o comunque qualsiasi informazione relativa al NEPTUNIA silurato il 18 settembre 1941 e sul quale mio nonno era imbarcato quel giorno, se gentilmente volesse scrivermi o indicarmi qualche sito ne sarei felice. Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Renzo
# Renzo 2013-06-13 11:20
Ciao a tutti cerco persone che si sono imbarcate con la mia famiglia marzo aprile 1971 sulla nave Guglielmo Marconi per l'Australia.
Grazie a presto
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
S.PERNA
# S.PERNA 2013-07-24 19:46
Salve Signor.Domenico , ho lavorato sulla Galileo e sulla Marconi dal gennaio 1972 al giugno 1974, desiderei conoscere le liste dei passeggeri in modo particolare del 1972 o il sito dove posso visionarli, avrei piacere a ritrovare molti amici passeggeri di allora ....bei tempi e ke ricordi, spero possa aiutarmi Dio la benedica
S. Perna
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Domenico
# Domenico 2013-07-27 00:21
Citazione S.PERNA:
Salve Signor.Domenico, ho lavorato sulla Galileo e sulla Marconi dal gennaio 1972 al giugno 1974, desiderei conoscere le liste dei passeggeri in modo particolare del 1972 o il sito dove posso visionarli, avrei piacere a ritrovare molti amici passeggeri di allora ....bei tempi e ke ricordi, spero possa aiutarmi Dio la benedica
S. Perna

Salve S.Perna, purtroppo non esistono le liste complete dei passeggeri che viaggiarono sulla Galileo e la Marconi tra il 1972 ed il 1974.
Però se ricorda il nome di qualcuno di loro può provare a ricercarli all'interno di un archivio del quale le ho inviato, per email, l'indirizzo. Nella stessa email le ho scritto brevemente come procedere.
Spero riuscirà a trovare qualcuno dei passeggeri che conobbe durante il periodo di lavoro sulle due navi.
Se dovesse avere bisogno di aiuto mi ricontatti attraverso questa pagina o tramite posta elettronica.
La saluto cordialmente.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Daniela
# Daniela 2013-09-30 16:23
Salve, io sono tornata dall'Australia Melbourne nel Febb. del 1970, con la mia la mia famiglia (genitori, Ivo e Vanda, e mia sorella Noemi).Essendo giovane allora ricordo con piacere i momenti passati sulla nave, ora non ricordo se era la Galileo Galilei o Guglielmo Marconi. Manel 59' siamo andati la prima volta in Australia e il viaggio lo abbiamo fatto con la nave Roma. saluto a tutti. ma mi è rimasta una grande nostalgia dell'Australi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
angelo spano
# angelo spano 2014-12-20 13:05
sono stato passegero sull marcone partito da messina il 7 gennaio del 1968 cercavo un elenco passegeri se fosse possibile leggendo la storia del viaggio mancca la fermata di adelaide dove sono sbarcato io grazie tanto per lopportunita cordiali saluti e buone feste angelo spano'
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
angelo spano
# angelo spano 2015-01-30 01:05
guglielmo marconi partita da messina il 7 gennaio del 1968 cerco compagni di viaggio sul ponte f io sono sbarcato a adelaide sud australia
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
domenico salvatore
# domenico salvatore 2016-05-01 15:12
Salve, i miei nonni sono tornati dall Australia, fra la fine degli anni 60 e inizio 70, non so bene.
Ho trovato un baule/ bagaglio usato da loro per il viaggio, dove c`e´ un etichetta con scritto Nave CONI.
Chi mi sa dire qualcosa in proposito?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Domenico
# Domenico 2016-05-02 19:30
Salve,
immaginando che, per qualche ragione, una parte del nome della nave apposto sul baule sia stata strappata, è molto probabile che si tratti della nave Marconi. Il periodo in cui i suoi nonni fecero ritorno rientra in quello in cui la suddetta nave faceva la spola tra l'Italia e l'Australia: essa infatti, secondo quanto riportato su Wikipedia, partì la prima volta il 18 novembre 1963 verso Sydney e l'ultima il 23 novembre 1974 dallo stesso porto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.