Ccittu e mutu

Autore: Gabriele Cosentini

CCITTU E MUTU

Na sirata cu l'amici
è sempe na cosa bona
a Lello tu chi dici
jamu nu pùacu fora zona?

Scialati tutti quanti
ndi vidìamu dùapu misi
e po friddu avìamu i nguanti
"Stasira quanti arrisi".

Arrivati allura a destinazione
na tavulata rande e assai bella
nu pùacu i suppressata e provolone
nu piattu i spaghetti e na tagliatella.

Puru atri èpparu a stessa penzata
e n'atra tavulata arrìadu i nui
tra piatti di patati e di nzalata
u m'arrìvanu a trenta nda mancava dui.

Tutti fìmmani e cinqu màsculi sulu
fattu sta ca chiju s'avvicinau
cu a scusa u m'astutamu a sigaretta
e chija sigaretta s'astutau

Io chi u fattu on capiscivi cùamu fu
cercava spiegazioni i l'avvenutu
e mi sìantu dire: "Chi cazzu vua tu?"
"Girati i l'atra parti CCITTU E MUTU"

U sùanu i sti parùali pisanti cùamu roccia
mi fìciaru u m'arraggiu a nu livellu tale
chi u sangu o cirivìaju mio nci facìa a doccia
e a chiju volìa u mu mandu dirittu o spitale.

I facci i tutti quanti pari pari guardandu
si culuràvanu i russu e virdi cu tonalità giallina
no sacciu si sapiti cùamu quandu
ncunu ti punta a pistola u ti facia na rapina.

Allura chjanu chjanu tornando a chjecchjarijare
i facci si culuràvanu e si vidìa ncuna arrisata
facìandu attenzione duva l'ùacchju ndrizzare
nommu nzamai cade supa a l'atra tavulata.

Cumbinati tutti quanti ca u pìaju avìa passatu
e vidìandu ca lìarcobaleni èranu ormai spariti
standu attìanti a chiji i l'atru latu
cuminciamma a parrare di fatti cchjù assortiti.

Ma a paura e u schjantu furu tanti
chi non potivi fare finta i nente
e mi pare ca mu viju sempre davanti
cu chiju mùadu i fare indisponente.

Unu stava cuntandu nu fattarìaju
e tramenta nci scappau nu starnutu
potivi sapire ca non si po' mancu fare chiju
ca si sentìu dire "CCITTU E MUTU"

Tìampu i luna chjina u vinu va travasatu
e nte mani piji buttigghji e mbutu
e allura chiju tuttu ncazzatu
"Ti dissa pemmu stai CCITTU E MUTU"

Peppi non parze mai unu malu
eppuru ncunu icia ca è assai astutu 
e chiju rispunda sempe o stìassu palu
"Allura non capisci CCITTU E MUTU"

Icia ca chiju è n'ùamu assai potente
e cu chiji cchjù dìabuli facia u forzatu
e subitu i l'atra parti rispunda u fetente
"Ancora nzistiti CCITTU E MUTU"

A figgja da cummare vacia cu tutti
e o maritu suo u ficia cornutu
"Oh, malanova m'aviti chi siti brutti
Vi disse pemmu stati CCITTU E MUTU"

Insomma no si potìa dire nuja dicitura
ca u rimproveru arrivava ogni minutu
e u finimu i mangiare no vidìamu l'ura
nommu sentimi cchjù "CCITTU E MUTU"

Comunque a fini nesimma tremolanti
ncunu cchjù tranquillu e ncunu disperatu
ncunu avìa puru allordatu i mutanti
po spavìantu enorme ed esageratu.

Ma mò mi fazzu na domanda e nuju mi rispunda
però luntanu i chiji rande farabutti
nommu mi fannu a facci ancora cchjù tunda
"Ma i sta Calabria chisti sugnu i frutti?"

Allura Calabria mia, Calabria dimenticata,
accussì cùamu dice n'amicu mio caru,
aju u pigghju provvedimìanti e u cangiu puru strata
e nommu tùarnu cchjù o pajisi mio Acquaru?

Sti gìanti i malacarne però no sannu
ca a cumpagnia mia non rispettau mai
a sta gentaglia chi a Calabria facia sulu dannu
e chi sulu ija sapa quantu nd'ava guai.

Pua, cu cùari sutta a na petra e u maguni nta panza,
avimu a partire e dassamu nu salutu
cuntandu sempe u tornamu e cu na speranza
ca nuju cchjù ti dicia "CCITTU E MUTU".

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.