Manno rientra dopo un lungo stop

Domani sera il boxeur di origine acquarese affronterà il catanese Lo Faro.

Il Quotidiano del 27 Febbraio 2014

Sarà il quindicesimo incontro a torso nudo e quindi da professionista quello che Benoit Manno si accinge a disputare domani al palazzetto “Le Cupole” di via Artona a Torino.

Un incontro che arriva dopo ben cinque mesi di inattività. Infatti l’ultimo match risale a ottobre scorso quando il pugile di origine acquarese all’ippodromo di Ponte di Brenta (Padova) ha incassato la vittoria ai punti contro il laziale Luigi Mantegna. Nessun premio in palio all’incontro di ottobre scorso né tanto meno in quello di domani sera, ma Benoit, che ha sempre gli occhi puntati verso l’europeo, sta cercando, attraverso questi incontri, di guadagnare punti in classifica e per combattere così per il titolo.
L’incontro, sponsorizzato dalla “Your Trainers Group” e organizzato dal fratello Florian, vedrà come sfidante il catanese Giuseppe Lo Faro, 39anni, sette anni in più rispetto a Manno. Un pugile con tanta esperienza alle spalle, che ama l’attacco e lavora con ganci larghi. Di conseguenza Manno ha dovuto affrontare una preparazione ardua con il suo maestro Bruno Vottero e con il preparatore mentale Andrea Pirrello affinché, dopo il lungo periodo di inattività, possa aver così riacquisito la carica giusta. «L’essere stato fermo per cinque mesi non è stato per colpa mia - ha dichiarato Benoit - ma la crisi economica si sente anche nel pugilato. Infatti girano pochi soldi». Ed ecco perché questo match ha subito diversi rinvii. «Mi sono allenato bene ma non al top. Sono comunque fiducioso delle mie potenzialità e spero di poter incassare una nuova vittoria».
Vittoria che gli consentirà di combattere nuovamente il mese prossimo e in caso di ulteriore successo ad aprile potrà combattere per riprendere, per la terza volta, il titolo italiano che ha dovuto abbandonare in seguito a un infortunio. Titolo che lo scorso 25 ottobre era stato assegnato a Floriano Pagliara il quale successivamente è stato squalificato in quanto risultato dopato. Di conseguenza il titolo è stato assegnato ad Angelo Ardito nonostante fosse uscito perdente dalla sfida. E così nel caso in cui Manno incasserà le due vittorie, Ardito sarà pertanto obbligato a difendere il titolo contro di lui che già in passato lo ha battuto. La riconquista del titolo italiano permetterà a Manno di tentare al titolo Europeo che a sua volta potrebbe introdurlo in ambito mondiale.

Giuseppe Parrucci

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.