Metanizzazione, passi in avanti

Dasà, firmata la convenzione con la Bonatti per servire l’Alto Mesima.

L'Ora della Calabria del 5 Marzo 2014

Si può dire quasi giunto alla fine l’iter per la metanizzazione dei centri dell’Alto Mesima, avviato ormai cinque anni fa con la costituzione del Cometam, il consorzio che riunisce otto comuni del comprensorio (Acquaro, Arena, Dasà - capofila -, Gerocarne, Pizzoni, Sorianello, Soriano e Vazzano).

È stata firmata ieri, infatti, presso il comune di Dasà, sede del consorzio, la convenzione di concessione per la progettazione, costruzione e gestione delle reti di distribuzione del metano nei paesi interessati. A sottoscrivere lo storico documento che, di fatto, pone fine alla fase procedurale, il presidente del Cometam, e sindaco di Dasà, Peppe Corrado e Stefano Protogene, direttore commerciale della Bonatti, aggiudicataria dei lavori, alla presenza dei sindaci di Vazzano, Domenico Villì; Gerocarne, Vitaliano Papillo; Pizzoni, Francesco Garisto; dell’assessore di Acquaro, Rocco Stramandinoli; del Rup, Vincenzo Corrado; del segretario del consorzio, Domenico Scuglia - in qualità di ufficiale rogante -; del direttore tecnico reti della Bonatti, Roberto Cancelli e del progettista e direttore dei lavori, Paolo Artuso. Per poter procedere ai lavori, ora, all’appello mancano solo i fondi pubblici (circa 9milioni corrispondenti al 50% del totale), necessari alla realizzazione delle reti di distribuzione interne ai comuni (la bretella di adduzione esterna - ulteriori 20 milioni - sarà, invece, a cura e totale carico della Snam rete gas). Fondi pubblici che, già individuati ed iscritti a bilancio regionale, per risultare disponibili è necessario siano accreditati dal Ministero dello Sviluppo e, successivamente, che vengano firmate le convenzioni necessarie per il trasferimento ai comuni delle somme dalla Regione, dove, per come risulta al Cometam, l’assessorato attività produttive diretto da Demetrio Arena ed il relativo settore energia gestito da Fausto Orsomarso hanno espletato le loro competenze, così come l’assessorato programmazione e bilancio, che ha inoltrato al ministero l’istanza per l’accreditamento. Non mancano, a questo punto, i ringraziamenti, che il presidente del Cometam Corrado estende: «In primis al presidente della Regione Giuseppe Scopelliti, sempre attento al territorio della nostra provincia; al consigliere regionale Ottavio Bruni (membro della commissione bilancio) che, unitamente all’assessore al lavoro Nazzareno Salerno, ha seguito un iter complesso e per nulla facile, stante all’attuale delicato momento di crisi economica; alla Bonatti, che ha assunto l’onere d’impegnare fondi propri in un tessuto economico/sociale che, sicuramente, non brilla per reddito pro-capite». Giunti a questo punto, la speranza di Peppe Corrado e dei colleghi sindaci è che nel giro massimo di due tre mesi le risposte da parte del ministero arrivino e si possa dare certezza sulla data d’avvio dei lavori previsti. Al riguardo: «Fermo restando il massimo impegno da parte del Cometam e della Bonatti, chiediamo ai nostri politici regionali - la chiosa dei sindaci di Dasà - di continuare ad affiancarci in tempo reale come fatto finora lungo il percorso burocratico/amministrativo che ancora resta da percorrere».

Valerio Colaci

Ritaglio dell'articolo

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.