«Anche Libera dimentica mio figlio»

Le accuse di Martino a margine della manifestazione organizzata dall’associazione.

Il Quotidiano del 17 Marzo 2014

«Doveva essere un’iniziativa dedicata alla memoria delle vittime della mafia, vittime come mio figlio. Alla fine, purtroppo, è stata la solita manifestazione durante la quale si sono spese le solite parole inutili e le vittime, proprio come il mio Filippo, sono state messe in secondo piano, quasi dimenticate».

E’ quanto afferma Martino Ceravolo, papà dei diciannovenne di Soriano che nell’ottobre del 2012 fu ferito mortalmente, a causa di un tragico scambio di persona, nel corso di un agguato di chiaro stampo ‘ndranghetista. Martino, così, esprime la sua amarezza, a margine dell’iniziativa promossa sabato da Libera. «Mi spiace, intanto, per i ragazzi che vi hanno partecipato e, come dimostra il video che pubblico sul mio profilo Facebook, si sono molto prodigati per la memoria di Filippo. Ma spiace - aggiunge papà Ceravolo - soprattutto per la mia famiglia, che cerca conforto dal dolore che da quella maledetta sera non ci dà pace e che, malgrado gli sforzi, conforto non riesce a trovare».
Martino contesta in primo luogo quelle istituzioni che - dice - «ci hanno abbandonati. Ci stiamo battendo affinché il nostro Filippo sia riconosciuto dallo Stato per quel che è, ovvero una vittima della mafia, e pertanto che a noi suoi familiari siano riconosciuti i diritti e le garanzie che la legge prevede. In tal senso, finora, abbiamo potuto contare solo sulle nostre forze. Ci è stato detto, anche ieri (sabato, ndr), di “stare addosso” agli inquirenti affinché facciano luce al più presto sugli assassini, ma noi sappiamo che è inutile “stare addosso” perché tanto il magistrato quanto i carabinieri stanno facendo il possibile e abbiamo fiducia che prima o poi raccoglieremo i risultati del loro impegno». In questo momento, come nel recente passato, è altro ciò che pesa: «Dalle piccole alle grandi cose - spiega -. Per esempio abbiamo chiesto che a Filippo e alle donne vittime di violenza fossero dedicati una via e un parco. A Soriano non è successo nulla di tutto questo, così pure negli altri centri della provincia. Chiediamo che Filippo sia dichiarato vittima di mafia ma siccome nulla finora si è mosso, ci dicono che bisogna andare a Roma e combattere… Ma secondo voi se fossimo stati nelle condizioni di affrontare simili spese saremmo qui a chiedere aiuto alla politica e alle istituzioni che invece si girano dall’altro lato?».
Martino Ceravolo è critico anche con l’associazione Libera: «Finora, francamente, noi non abbiamo avuto alcun sostegno... Noi familiari e pochi amici abbiamo organizzato fiaccolate e manifestazioni, tutto a spese nostre, tutto col nostro impegno. Vi hanno preso parte, spontaneamente, centinaia di cittadini, che da tutta la provincia continuano a manifestarci il loro affetto. E Libera? Sì, era presente qualche rappresentante dell’associazione. Ma loro sono Libera e Libera è tutto questo? Una passerella per dire ci siamo pure noi e basta? Noi, concretamente, fosse stata anche per una semplice maglietta col volto di Filippo, non l’abbiamo vista. E oggi ci dice di “stare addosso” alla magistratura affinché faccia luce sulla morte di mio figlio. Stia Libera addosso agli inquirenti...». Conclusione amara: «In manifestazioni come quelle di sabato ci siamo resi conto di quanto siamo ignorati. Noi non abbiamo la scorta, perché non ci serve e perché non la vogliamo. Noi siamo costretti a combattere contro la mafia perché la mafia ci ha strappato un figlio. Quel figlio il cui nome viene usato per certe iniziative che, alla fine, non servono a nulla, salvo diventare passerelle per politici e rappresentanti delle istituzioni che parlano bene e poi se ne fregano di noi».

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.