Benoit Manno resiste solo sei riprese

Finisce ko con Marsili.

Il Quotidiano dell'11 Giugno 2014

Non ce l’ha fatta Benoit Manno a tenere il ritmo del campione europeo Emiliano Marsili che ha difeso meritatamente la corona dei pesi leggeri. Era quasi prevedibile il risultato finale in quanto Manno, che stava preparando un incontro sulle sei riprese per venerdì prossimo, dopo la rinuncia da parte dello sfidante ufficiale Mezaache a dieci giorni dal match di sabato scorso, ha accettato la sfida sulle 12 riprese.

A nulla è servito il coraggio tipico del pugile di origine acquarese due volte campione italiano dei superpiuma: Marsili si è dimostrato più preparato e più sciolto nei movimenti. Inoltre Manno è salito sul ring con una frattura al naso subita qualche giorno prima durante lo sparring, di conseguenza i colpi subiti al volto non potevano essere assolutamente indolore anzi, gli hanno causato da subito una copiosa epistassi.
Allenamenti che Manno, sotto le direttive del maestro Bruno Vottero, ha dovuto affrontare sino a tre giorni dal match, penalizzandosi così anche nel riposo anti-match con la consapevolezza che qualunque fosse stato il risultato ne avrebbe tratto vantaggio. Pertanto la sfida, svoltasi nel palazzetto di Tolfa (Roma), ha avuto inizio con un Manno prudente e chiuso e con un Marsili subito all’attacco con un jab destro e col successivo diretto sinistro. Il dominio della scena da parte di Marsili si è accentuato nella seconda ripresa dove è riuscito a colpire due volte col gancio sinistro e col montante destro Benoit. Nelle successive due riprese Manno ha cercato di muoversi più in guardia lungo le corde del ring, mentre nella quinta ripresa Marsili incalza con pugni più forti tant’è che manda Manno a tappeto il quale si rialza con coraggio subendo un ulteriore destro al corpo che lo rimette a tappeto. Manno si rialza anche la seconda volta dimostrando l’eroica resistenza mentre la campana decreta la fine della quinta ripresa. Ma la resistenza del pugile acquarese, al primo incontro sulle 12 riprese, viene meno già all’inizio della successiva ripresa quando Marsili con un largo gancio destro affonda per la terza volta a tappeto Manno il quale sembra dimostrare ancora una volta di non volersi arrendere. L’arbitro però nota che non è più lucido e sospende il match decretando il ko tecnico.
La sconfitta lascia sempre l’amaro in bocca ma Manno, da noi contattato telefonicamente, si è dimostrato ugualmente soddisfatto di aver affrontato la sfida. «Ero consapevole che vincere era impossibile. Ci ho provato».
Adesso si punta alla riconquista del titolo italiano. In ogni caso gli occhi di Manno rimangono puntati verso il titolo europeo al quale aspira e al quale speriamo possa giungere con la dovuta preparazione.
Infine c’è da dire che Manno aveva annunciato ai suoi concittadini di organizzare per il mese di agosto, anche a proprie spese, un incontro ad Acquaro ma «non posso farlo in quanto dopo un ko tecnico la federazione impone un periodo di stop obbligatorio. In ogni caso scenderò in Calabria per trascorrere un periodo di relax con i miei paesani che ringrazio per il loro continuo sostegno e per aver organizzato in occasione del match lo schermo gigante in piazza».

Giuseppe Parrucci

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.