Diciassette comuni sono totalmente sprovvisti delle piattaforme

I liquami fognari da decenni avvelenano i torrenti nell’indifferenza delle istituzioni.

Gazzetta del Sud del 28 Giugno 2014

Diciassette i comuni sprovvisti di impianti depurativi.
Acquaro Il comune non ha mai avuto un impianto. Il capoluogo e le contrade scaricano le proprie acque in pozzi neri o fosse biologiche.

Filandari Senza piattaforma. Capoluogo e frazioni di Arzona, Pizzinni, Mesiano Scaliti e contrada Iannacci per liberarsi dei veleni fognari utilizzano i fossi adiacenti.
Francica Sprovvisto di depuratore. I 1900 abitanti si servono di vasche Imoff che scaricano direttamente nel fosso Acquapesata. Casino e Mutari, invece, nel fosso Treluci.
Gerocarne Fossi e torrenti incamerano i liquami fognari del capoluogo e delle contrade.
Jonadi Il torrente Chiarello fa da depuratore per il capoluogo. Inquinate anche le acque del Pignaro che accolgono i liquami delle frazioni Nao, Baracconi e Case sparse.
Arena Fiume Petriano e ruscello Le Donne sopperiscono alla mancanza dell’impianto.
Dasà I reflui non depurati per mancanza dell’impianto inesorabilmente avvelenano il fiume Petriano.
Dinami Il fiume Torno svolge la funzione di depuratore.
Fabrizia Il centro montano non ha mai avuto una piattaforma. Nel 2014 continua ancora a buttare i suoi reflui fognari nell’Allaro e nel Molini.
Filadelfia Tremila 973 abitanti senza impianto. Le condotte di Filadelfia centro sono collettate alla piattaforma di Lamezia Terme, mentre quelle delle frazioni e delle contrade all’impianto Palermi.
Mileto Purtroppo siamo ancora ai tempi dei normanni. I liquami vanno a finire, perché il comune è sprovvisto di piattaforma, nelle acque del fosso Santa Monica. Le frazioni Calabrò trovano comodo servirsi del fosso Fonte, mentre Comparni e Paravati scaricano rispettivamente nel Pendina e Lacquaniti.
Nardodipace Non ha alcun impianto. Il capoluogo e le frazioni Cassari, Dedera, Nardodipace vecchio, Ragonà, e Santo Todaro scaricano le acque reflue non depurate in qualche fosso adiacente.
Polia Il comune e le frazioni non sono collettate con alcun depuratore. Per smaltire le acque reflue utilizzano i torrenti Canace, Vicenza e Camarda.
San Calogero Attualmente è sguarnito. Il torrente Calderara da decenni continua a svolgere la sua funzione depurativa. Con quali risultati?
Soriano Il comune dei Mostacciuoli si trova senza un impianto. Nel corso degli anni gli amministratori che si sono alternati alla guida del Municipio hanno fatto solo parole. Dalla scheda invita dall’Ufficio tecnico risulta che negli anni Ottanta è stato realizzato un impianto che non è mai entrato in funzione.
San Gregorio D’Ippona Il fosso San Francesco, che doveva svolgere altre funzioni, per mancanza di depuratore è stato trasformato in una cloaca a cielo aperto.
San Nicola Da Crissa Dulcis in fundo anche questo comune è senza impianto. Il torrente Fallà vorrebbe gridare basta.

L.F.

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.