La missione di Fratel Costantino

Il religioso sta portando nelle case dei malati le reliquie di San Rocco.

Il Quotidiano del 24 Agosto 2014

Sostegno spirituale. Ne hanno bisogno, eccome, gli ammalati, soprattutto oncologici.

In questi giorni ne stanno ricevendo tanto coloro che a causa di malattie, le più diverse, soffrono e sono impossibilitati a lasciare le pareti domestiche per recarsi in chiesa.
A queste persone ci pensa San Rocco. In particolare attraverso la insigne reliquia del femore di San Rocco che il buono e pio Fratel Costantino De Bellis, custode e procuratore dell’urna con le preziose reliquie, sta portando nelle case di tanti ammalati di Acquaro, dove San Rocco ne è il Patrono e dove da lunedì esse sono arrivate rimanendo esposte nella chiesa matrice per la devozione e la venerazione dei fedeli.
Fratel Costantino continua dal giorno successivo all’arrivo a portare, nelle case segnate da tanta sofferenza, insieme alla reliquia, speranza, carità, amore e fede. Entrando con il suo rasserenante sorriso dispone la piccola teca contenente la insigne reliquia del santo pellegrino di Montpellier su un tavolo perché tutti i presenti possano comprenderne la forza che da essa traspira. Quindi, innalza una preghiera, semplice ma al tempo stesso profonda, che lascia nei cuori di chi ascolta tanta buona meraviglia e speranza che anela a Dio tramite l’intercessione di questo Santo che, testimone di carità e operatore d’amore, è tra i più popolari e venerati nel mondo.
Inoltre, la “visita” di Fratel Costantino, oltre a portare materialmente la reliquia del femore di San Rocco, introduce spontanea una riflessione negli astanti: la nostra società - anche quella di Acquaro in questo particolare momento - ha bisogno sempre più di meditare; per chi crede in Cristo è un dovere compiere, possibilmente come i grandi Santi, il cammino che conduce a Dio. Lo sa bene Fratel Costantino, che a 26 anni, mentre era sott’ufficiale dell’Esercito, ha rinunciato ad una vita agiata per arrivare poco tempo dopo alla fondazione dell’Associazione Europea “Amici di San Rocco”, divenendo il custode delle sacre reliquie che puntualmente con gioia fa “viaggiare” in lungo ed in largo in Italia dove il culto per San Rocco è più o meno radicato. Sempre muovendosi “sulle orme di San Rocco”.
Come succede in questi giorni ad Acquaro: discepoli nella carità e nella fede, testimoni e operatori d’amore.

Nando Scarmozzino

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.