Campo da tennis a Filippo

Il Consiglio intitola la struttura al giovane ucciso.

Il Quotidiano del 12 Ottobre 2014

Nel consiglio comunale andato in scena venerdì si è discusso di bilancio annuale e pluriennale, di tasse e di tributi. E di Filippo Ceravolo.

Al giovane 19enne ucciso per errore il 25 ottobre di due anni fa, riconosciuto ufficialmente pochi giorni addietro vittima di mafia, era stato riservato l'ultimo punto, il n. 10. Riguardava l'intestazione allo sfortunato Filippo del campo di calcetto comunale ubicato in zona Pip. La proposta era stata portata in Consiglio dalla minoranza "Tutti per Soriano", dopo che era stata sottoposta all'attenzione dei consiglieri membri nella conferenza dei capigruppo.
Il campo di calcetto, però è stato già intestato e per la via ci vogliono 10 anni dalla morte per come prevede la legge e solo il Presidente della Repubblica può decidere per tempi brevi. Non si sa come, ma il diavolo ci ha messo la coda improvvisamente. La discussione è stata riportata sui giusti binari dopo pochi minuti. E' prevalso il buon senso. Necessario che il presidente dell'assise comunale Vincenzo Bellissimo abbia fatto capire che avrebbe sospeso i lavori. La minoranza ha puntualizzato: «Cambiamo noi la proposta». Vincenzo Bartone, capogruppo di "Tutti per Soriano", chiarisce, tuttavia che si è «prevista una borsa di studio pari a 500 euro». Intervento del sindaco: «Se si vuole fare, allora intestiamo il campo di tennis. Prendiamo oggi l'impegno. Benissimo la borsa di studio, già dal 2015. Possibile con una variazione di bilancio».
C'è stato pieno accordo. Anche se il campo da tennis deve essere rimesso a nuovo, in quanto in stato di quasi abbandono. Intanto, per il 25 ottobre prossimo, il sindaco Francesco Bartone provvederà a sistemare una targa con l'intestazione. Archiviata anche la borsa di studio. Con l'impegno del Consiglio di coinvolgere le scuole di Soriano. Tuttavia, «l'intenzione di intestare il campo da tennis - ha osservato Valeria Primerano - non ci preclude la possibilità di programmare, nel rispetto dei tempi previsti, l'intitolazione a Filippo di una strada». Ma, la dichiarazione della consigliera di minoranza, che ha ribadito il pensiero espresso inizialmente, è rimasta senza riscontro. E' stata ascoltata? Quanto agli altri argomenti trattati, si potrebbe dire, sulla scorta del lungo elenco di opere pubbliche descritte dal sindaco, che c'è tanta carne al fuoco, per diversi milioni di euro quando e se scatteranno tutti i finanziamenti programmati.
Sulla videosorveglianza per l'intero centro abitato, Vincenzo Bartone ha espresso le sue perplessità: «Limitano la libertà personale», e sulle opere pubbliche la minoranza ha scelto di astenersi. Con voto unanime l'assemblea ha licenziato i regolamenti Imu, Tari e Tasi, che ripropongono tariffe invariate rispetto all'anno passato. Voto contrario, invece, il gruppo di minoranza ha espresso sul bilancio.
Illustrandolo, l'assessore al ramo Anna Grillo aveva tra l'altro detto: «Abbiamo intenzione di investire nella scuola, nella cultura e intervenire nel sostegno alle imprese. Guardiamo anche alle fasce sociali deboli, all'ambiente, alla disoccupazione giovanile. Non trascureremo la lotta all'evasione fiscale. Richiamando l'attenzione sui tagli statali ha detto: "Il risanamento del nostro Comune non avverrà in tempi brevi, forse richiede anni. Ma, bisogna provarci, tutti insieme».

Nando Scarmozzino

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.