Filippo, ambasciatore antimafia

Domani manifestazione pubblica a due anni dell’omicidio del giovane.

Il Quotidiano del 24 Ottobre 2014

«Filippo Ceravolo è ambasciatore antimafia per sempre».

Associazioni antimafia, amministrazione comunale e familiari del giovane ucciso per errore, riconosciuto giorni addietro vittima innocente di mafia, restano uniti e domani, sabato 25 ottobre, in occasione del secondo anniversario dell’efferato delitto, dopo la celebrazione alle ore 17 di una santa messa in suffragio nella chiesa di San Martino, sfileranno in corteo contro tutte le mafie.
Una marcia che si annuncia molto partecipata e che si concluderà nella centralissima piazza Ferrari, di fronte al Palazzetto della Cultura, di Soriano. Sono previsti gli interventi, oltre che del papà dello sfortunato Filippo, Martino Ceravolo, di Lia Staropoli, presidente dell’associazione “ConDivisa”; Giuseppe Faccione, presidente della consulta sicurezza che raccoglie le sigle sindacali dei poliziotti del Sap, Sapaf e Conap; Alessandro Pecora, rappresentante regionale del movimento antimafia “Ammazzateci Tutti”; l’on. Rosanna Scopelliti, componente della Commissione parlamentare Antimafia e capogruppo della commissione Difesa e il sindaco di Soriano Francesco Bartone con tutta la Giunta.
«Il delitto di Filippo è anche un dolore di tutta la città, una efferatezza contro la città tutta - ha dichiarato il primo cittadino -. Un attentato al bene comune che, come civica amministrazione rappresentante dello Stato, abbiamo il dovere di tutelare. E’ nostro assoluto dovere porci a fianco in prima linea con chi si batte contro il crimine. In particolare - ha sottolineato-, abbiamo sempre dimostrato vicinanza e partecipazione alla famiglia di Filippo Ceravolo».
Per continuare a farlo nel migliore dei modi, il sindaco Francesco Bartone qualche giorno addietro ha voluto incontrare personalmente papà Martino insieme all’intero nucleo familiare del giovane Filippo che in un primo momento avevano comunicato di volere annullare quest’anno la marcia e la fiaccolata in memoria di Filippo. Una decisione, quella di Martino e della sua famiglia, scaturita da alcuni commenti recitati in piazza soprattutto.
«E’ tempo di lasciare da parte - ha asserito, quasi un monito, Francesco Bartone dopo l’incontro - le sterili ed inutili polemiche dell’ultima ora che ci vorrebbero divisi su un problema che invece dovrebbe essere sentitamente comune. Lo sfortunato ragazzo - ha annunciato - avrà quanto prima un ricordo perenne nella nostra città, verosimilmente una stele marmorea, a futura memoria per le generazioni a venire, affinché il sacrificio di Filippo possa servire ad alimentare il bene necessario e portare il trionfo della giustizia e della legalità, valori essenziali al vivere civile».
Pensiero condiviso, tant’è che veleggia sicuro sulle “corazzate” di “Ammazzateci Tutti”, “ConDivisa” e la Consulta sicurezza provinciale che non sono rimaste inoperose attivandosi senza sosta affinché l’appuntamento di domani lasci ancora un segnale forte in mezzo alla gente comune e di buona volontà. E nel nome di Filippo ognuno si adoperi e faccia crescere il germe dell’antimafia.
Dal canto suo, Martino Ceravolo ha avuto parole di «ammirazione» per il sindaco di Soriano Calabro Francesco Bartone. Ed in merito alla manifestazione ha dichiarato: «Siamo contenti per tutta la comunità di Soriano e per i paesi vicini. Bisogna lottare uniti perché nessuno più si possa trovare nelle mie stesse condizioni. Rinnoviamo - ha anche detto - la fiducia nelle forze dell’ordine, ma il nostro pensiero fisso è che venga dato un volto a chi ha ammazzato mio figlio».

Nando Scarmozzino

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.