Una cappella lasciata in totale abbandono

Edificio a rischio crollo impossibile entrare per deporre un fiore.

Gazzetta del Sud del 9 Gennaio 2015

Ci sono cose pensando all'utilità delle quali si è portati a chiedersi: qual è? La cappella cimiteriale della disciolta confraternita del Santissimo corpo di Cristo è una di queste. Struttura di una certa capienza, a lungo impiegata per accogliere le spoglie mortali dei confratelli, da più di un decennio almeno risulta chiusa al pubblico perché pericolante. Al suo interno, tra gli oltre 50 loculi presenti, sono ancora sepolte diverse salme i cui parenti, ove vi siano ancora, non hanno nemmeno la possibilità di deporre un fiore, poiché il cancello risulta sbarrato e su esso, a pennello, riportata la scritta “pericolo”. Un pericolo reale, visto che, scrutando l'interno, si notano alcune assi del soffitto che, staccatesi da un lato, penzolano minacciando di venire giù rovinosamente.
Insomma, non sarebbe male decidere di intervenire... L'ideale sarebbe il suo ripristino, tale da darle la meritata valenza affettiva e storica. Anche se non si dispone di notizie certe sulla sua costruzione, infatti, valutando l'ultrasecolarità della congrega acquarese (costituita agli inizi del ‘600 e disciolta nel l978), e l'ubicazione nella parte più antica del sepolcreto, quella centrale, si può supporre che anche essa sia più che centenaria. Ripristinarla, quindi, restaurandola ed adeguando la dimensione dei vecchi loculi in modo da accogliere nuovi resti, significherebbe ridare al paese un piccolo frammento della sua storia religiosa. Ed ogni frammento di storia preservato serve a ricostruire il mosaico identitaria di ogni comunità.
Se ciò non fosse proprio possibile la si potrebbe demolire per creare nuovi monumenti funebri. Anche se non è il caso attuale, difatti, visto che l'amministrazione comunale ha di recente costruito altri loculi nella parte nuova del cimitero, periodicamente si ripresenta il problema della saturazione del medesimo, e la cappella in questione permetterebbe di liberare parecchio spazio. Ma ci sarebbe anche la possibilità di una chiesetta, di un altare per la messa del 2 novembre. Di un ossario. Tutto tranne che lasciarla nella più totale, inconcepibile, eterna inutilità.

Valerio Colaci

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.