Trasporto studenti, bus bloccati contro il nuovo rincaro del ticket

Quasi raddoppiato in un solo anno il costo dell'abbonamento mensile.

Gazzetta del Sud del 3 Febbraio 2015

«Studiare è un diritto non un lusso». È la sintesi della protesta degli studenti pendolari di Acquaro, Dasà e Arena che ieri mattina, come un anno fa (allora solo i ragazzi di Acquaro), contro l'ennesimo aumento dei ticket di viaggio hanno bloccato i bus di linea della "Gbv" per Vibo, ed ora rischiano una denuncia per interruzione di pubblico servizio.
Da gennaio il costo dell'abbonamento mensile è di 78 euro, quasi raddoppiato dal primo dei rincari del 2014 (da 46 a 54 a 71 euro), a seguito di un taglio di fondi della regione al settore. Un salasso, soprattutto per le famiglie con più figli pendolari e quelle della frazione Piani di Acquaro, che pagano un ulteriore tariffa (scesa da 30 a 19 euro per decisione presa dall'amministrazione nel 2014) per la navetta che li porta in paese.
Inoltre, i mezzi partirebbero sovraccarichi e molti studenti viaggiano in piedi, non potendosi avvalere dell'autobus passeggeri che a Vibo arriva più tardi. Per carenza di autisti, poi, gli studenti di Dasà e Arena viaggiano accorpati in un unico bus. Da qui la protesta, che andrà avanti ad oltranza (ci si sta organizzando per raggiungere le scuole con mezzi propri), non per congelare il prezzo attuale ma per tornare alla tariffa precedente.
Ieri gli studenti di Acquaro hanno incontrato il sindaco Barilaro che già un anno fa aveva ottenuto promesse (però poi disattese) di un congelamento degli aumenti dei ticket. Ora si andrà ad un nuovo confronto alla presenza, oltre a Barilaro, del rappresentante provinciale degli studenti, del sindaco di Arena, Nino Schinella, del vicesindaco di Dasà, Raffaele Scaturchio e del primo cittadino di Gerocarne, Vitaliano Papillo.

Valerio Colaci

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.