Ladri professionisti in azione nell'abitazione di due presidi

Furto sul centrale corso Umberto ad Acquaro.

Gazzetta del Sud del 23 Maggio 2015

Amara sorpresa per una coppia di professionisti in pensione di Acquaro, i quali, di ritorno dopo un breve soggiorno a Roma, dove vivono i figli, hanno trovato la casa svaligiata. Il fatto è stato scoperto nel tardo pomeriggio di ieri, quando, aprendo la porta di casa, ubicata nel centralissimo corso Umberto I che attraversa il paese, il marito si è accorto di alcuni oggetti mossi e di altre anomalie, intuendo immediatamente quello che poteva essere successo.
La sorpresa più amara, però, i coniugi Ierardo-Crupi, due ex presidi in pensione molto conosciuti e stimati in paese, l'hanno avuta recandosi al piano superiore, dove risultava forzata, con fare da professionisti, la porta di una camera blindata in cui erano custoditi tutti gli oggetti di valore.
Il fatto è avvenuto presumibilmente tra le giornate di domenica e giovedì passati, periodo nel quale la coppia è mancata da Acquaro. Sul posto, allertati, sono intervenuti prontamente i Carabinieri di Arena che, alla guida del maresciallo Carmine Napolitano, hanno eseguito i rilievi del caso. Nessun segno di scasso alle porte o finestre d'ingresso (tra l'altro protette da sbarre di ferro) è stato riscontrato, segno che gli ignoti possano essere stati muniti della chiave d'accesso all'abitazione (una delle quali, tra l'altro, a un primo accertamento è sembrata mancasse).
I proprietari, visibilmente turbati, non hanno saputo quantificare l'ammontare della refurtiva, ma è inutile dire che i ladri hanno avuto il tempo necessario per arraffare tutto ciò che è capitato loro per le mani. Non è la prima volta che, negli ultimi tempi, succedono fatti del genere in paese, dove, per colpa di alcuni balordi, le persone hanno paura a lasciare incustodita le loro case anche per pochissime ore.

Valerio Colaci

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.