Acquaro, un paese in festa per l'Assunta e San Rocco

Iniziate le celebrazioni in onore dei due compatroni. Attesa per l'arrivo di Nino D'Angelo.

Calabria Ora del 7 Agosto 2010

Sono entrati nel vivo, ad Acquaro i preparativi per i festeggiamenti in onore di Maria Santissima Assunta e San Rocco, compatroni del paese ai piedi delle Serre. Dal punto di vista religioso, da inizio mese ha preso il via la sacra quindicina in onore della Madonna, con la celebrazione giornaliera di una messa pomeridiana. In questo frangente è da registrare una non tanto piccola nota polemica del parroco don Sarò Lamari, che lamenta scarsa presenza di fedeli in chiesa.

La festa in onore dell'Assunta, con tanto di mostra di lavori artigianali di ricamo, che parte domani, si concluderà con la processione al palco (cosiddetto catafalco) del 14 e con la processione di domenica 15 per le vie del paese. Se da un lato, si nota un calo di lena rispetto al programma religioso, maggiore è l'entusiasmo per il programma civile di San Rocco, predisposto alla grande dal comitato organizzatore già a partire dal 16 pomeriggio, con una festa per i bambini in piazza, con tanto di animatori e Nutella party. In serata, poi, spettacolo di illusionismo e magia con il nostrano mago Jonny e con Carlo Fox, noto per aver preso parte a varie trasmissioni televisive. Anche nel caso di San Rocco, ogni giorno è prevista una santa messa, cui don Saro invita a prendere parte. Tornando al programma civile, il 17 torneranno i giochi popolari e, dopo la pausa del 18 agosto, il 19, il primo degli eventi clou, l'atteso "Tarant project", con Mimmo Cavallaro e Cosimo Papandrea, due tra i più apprezzati esecutori della musica popolare calabrese, genere che sta conoscendo una seconda giovinezza con il riarrangiamento dei brani più caratteristici della tradizione regionale e meridionale. Segno di una Calabria che ha voglia di riscoprire se stessa. L'evento principe, però, è considerato quello del 20 agosto, con l'esibizione in piazza di Nino D'Angelo in concerto, uno spettacolo molto atteso dagli amanti del genere napoletano, per cui è prevista la partecipazione di almeno diecimila fan. Riuscirà la piazza a contenerli? Si vedrà. Il programma civile si concluderà, come da tradizione, con l'esibizione della banda da palco, il gran concerto bandistico "Città di Veglie", diretto dal maestro Cosimo Costa, che suonerà nelle sere del 21 e del 22. Anche in tal caso, grande divertimento per gli irriducibili del genere. Dal punto di vista delle tradizioni, un accenno va fatto sulla tipica vendita all'asta, sera del 23, dei doni votivi al Santo e, soprattutto, al caratteristico, e forse unico, evento dell'arrivo dei buoi che consegneranno simbolicamente i doni a San Rocco, retaggio della vecchia civiltà agricola oramai quasi andata che probabilmente voleva guadagnarsi le grazie del santo taumaturgo per il raccolto dell'anno successivo.

Valerio Colaci

Ritaglio dell'articolo

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.