E la terra trema nel vibonese

Panico tra la gente per una scossa sismica, ma non si registrano danni.

Calabria Ora del 18 Giugno 2010

È stato avvertito distintamente anche dalle popolazioni dell'Alto Mesima, il terremoto di magnitudo 3.7 registrato dagli strumenti dell'istituto geofisico nel golfo di Sant'Eufemia nella notte tra il 16 ed il 17 giugno. In particolare, nei centri limitrofi di Acquaro e Dasà, molta gente, in preda al panico, ha lasciato la propria casa ed ha cercato riparo in strada dove è rimasta per parecchio tempo prima di rientrarvi.

Registrata in mare aperto a circa 8 km di profondità, la scossa per fortuna non ha prodotto danni a persone o cose, ma solo tanto spavento. A conferma degli studi degli esperti, secondo cui alcuni animali avvertono in anticipo i terremoti, in molti hanno riferito dì un insolito e ripetuto abbaiare di cani. La zona in questione dista circa 25 km in linea d'area dall'epicentro, distanza evidentemente irrisoria per simili eventi, vista l'alta percezione che si è avuta del moto. In particolare, nei centri delle Pre Serre, un terremoto non veniva avvertito con tale intensità almeno dal 1997, nel periodo estivo quando, 2 distinte scosse, entrambe di genere sussultorio, avvertite in orari diversi della giornata, provocarono parecchio panico. La prima si verificò nel pomeriggio. La seconda, nella tarda serata, produsse il letterale svuotamento delle case, con la gente che si riversò per strada ove trascorse l'intera notte. Per fortuna, anche allora nessun danno. L'area dell'Alto Mesima è ad alto rischio sismico, con eventi tellurici che, in epoca passata, produssero distruzione e morte.

Valerio Colaci

Ritaglio dell'articolo

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.