Acquaro, il commissario rassicura

Salvati il finanziamento per la fontana e la postazione di guardia medica.

Calabria Ora del 15 Gennaio 2010

Sono stati giorni di intenso lavoro, quelli appena trascorsi, per il commissario Rosa Maria Luzza, che ha voluto risolvere nel migliore dei modi due questioni che hanno tenuto banco negli ultimi giorni in paese, ottenendo, al contempo, altri importanti risultati in altri campi. La prima, rilevante per un paese come Acquaro, distante un "salto d'aereo" da Vibo, riguarda la salvaguardia della postazione di guardia medica che l'Asp, giudicando, dopo un sopralluogo, inidonei i locali a causa di alcune infiltrazioni di acqua dal tetto, aveva minacciato di voler chiudere in caso non s'intervenisse con celerità.

Così, dopo l'annuncio dell'avvio dei lavori, la Luzza ha voluto rassicurare i cittadini sull'infondatezza delle voci riferite al trasferimento del presidio in un altro paese (secondo indiscrezioni, a Dasà, distante un chilometro da Acquaro e con una popolazione inferiore). In realtà, pare che tanto infondate le voci non fossero ma, a riguardo, la Luzza ha avuto rassicurazioni dal dirigente generale sul fatto che la guardia medica non sarà toccata. L'altro argomento, riguarda una delle opere più contestate del momento (certo che gli acquaresi sanno riconoscere i reali problemi!), la fontana artistica in fase di realizzazione in piazza Marconi, per la quale la Regione aveva deciso di revocare il finanziamento a suo tempo concesso (in quanto non rispondente alle finalità del bando sul recupero delle aree di pregio). Anche in tal caso, pare si sia trattato di un equivoco ed il finanziamento, invece, sarà concesso. Resta aperto, però, il discorso sul materiale di composizione della "fontana della discordia", che è tutt'altro (una sostanza friabilissima) rispetto alla pietra granitica commissionata e pagata 15mila euro. In tal caso, si sta stabilendo il da farsi (probabilmente una perizia per valutarne il reale valore, impiegando la rimanenza per altro). Risolte (almeno per il momento) le rogne, Rosa Maria Luzza ha voluto sottolineare due importanti risultati ottenuti, con la conferma del mantenimento del servizio di trasporto alunni (coofinanziato dalla comunità montana Alto Mesima-Poro), e l'ottenimento di due ulteriori finanziamenti Piar (eredità dell'amministrazione Scarmozzino) di 150mila euro ciascuno, che serviranno per la riparazione di alcune strade nella frazione Piani e per interventi di abbellimento di zone rurali. Il commissario ha infine parlato di molti altri progetti in ballo, per illustrare i quali ha rimandato ai prossimi giorni.

Valerio Colaci

Ritaglio dell'articolo

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.