Acquaro, l'addio all'artista "Tata" Salvatore Salimbeni

 

Calabria Ora del 24 Dicembre 2009

Piange Acquaro. Piange la Calabria. Piange il mondo dell'arte di cui faceva parte a pieno titolo. Ieri mattina, a soli 55 anni, a Serrata (Rc), ha smesso di pulsare la vita di Salvatore Salimbeni detto "Tata", un "Maestro" d'arte consumato da un male incurabile, che ne ha minato il fisico e la grande forza d'animo.

Poliedrico pittore e scultore di Acquaro, la cui fama va ben oltre i confini del piccolo centro che gli diede i natali, "Tata" ha avuto una vita breve e, a volte, come quella di ogni spirito artistico libero, tormentata ed inquieta, ma versatile, intensa e prolifica dal punto di vista creativo. Particolare e unica, l'arte di "Tata" Salimbeni è sorretta da una instancabile fede religiosa (quella stessa fede che lo ha appoggiato sino alla fine), animata da una personalità instabile e ribelle, plasmata da convinzioni ferme su cui fondò tutta la sua esistenza, ed è intrisa da un personale estro creativo che solo l'artista vero, che ha fatto della sua vita arte, possiede come innata dote che lo contraddistingue, costituendone linfa vitale da cui trarre ispirazione e forza per fare di ogni opera un capolavoro.

Valerio Colaci

Ritaglio dell'articolo

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.