Acquaro in 460 foto

In libreria l'attesa opera di Ierardo e Citino.

Calabria Ora del 30 Maggio 2009

Un successo di pubblico, la presentazione, avvenuta giovedì scorso nei locali della scuola elementare, del libro "Acquaro, memoria storica attraverso l'immagine", di Ferdinando lerardo e Rocco Citino.

Un'opera che, titolo docet, mira, attraverso le immagini, a ricostruire il passato, un modo di vivere e di essere di una comunità (di Acquaro e frazioni, Limpidi, Piani e Fellari), che non esiste più. Nato da un progetto del 2002, accantonato e ripartito nel 2007, il volume, 460 pagine con quasi altrettante foto recuperate dall'archivio Citino e, in parte, fornite spontaneamente dai cittadini e corredate da didascalie e brevi ricostruzioni di storie di vita vissuta, ha richiesto 2 anni di intenso lavoro. «Un libro che fa riflettere sulle proprie radici - ha spiegato la dirigente scolastica Caterina Barilaro», entusiasta per aver «accolto nella scuola, dove è giusto che accada, la presentazione di una rara manifestazioni di elevata cultura che, attraverso l'immediatezza delle immagini, è elogio alla memoria, che ci fa esistere dopo la morte». Lieto dell'alta partecipazione, Ferdinando lerardo ha esplicato la nascita dell'idea, il contenuto delle sezioni (notizie storielle, alluvioni e terremoti, emigrazione, mestieri e professioni, gruppi familiari, prima guerra mondiale, Aoi (Africa orientale italiana) e seconda guerra mondiale, feste religiose), le curiosità ed i dettagli del lavoro svolto per «un'opera di valenza culturale, sociale e storica, da tramandare alle future generazioni e dedicata a coloro che, per vari motivi, lasciarono il paese natio e non vi fecero più ritorno». Rocco Citino, invece, ha spiegato la meticolosa opera di ricostruzione del suo ricco archivio fotografico, realizzato in anni di lavoro e passione per le istantanee, «lavoro che se non avessi svolto - ha spiegato - oggi non saremmo qui». Don Enzo Varone, parroco di Santa Maria la Nova a Vibo, si è soffermato sulle feste religiose e sulla loro importanza per una piccola comunità, in quanto espressione della vita di un popolo e testimonianza di carità verso chi, in esso, è più bisognoso. Apprezzamenti, anche dai professori Siviglia e Giuseppe Galati, intervenuti dal pubblico. Quest'ultimo, ha parlato dell'importanza dell'opera nel ricostruire la "nostra identità", soprattutto per i giovani che, «in una società che bombarda di immagini, rischiano di perderla, soffermandosi su quelle effimere e tralasciando le immagini importanti, quelle che parlano della loro stessa essenza». Insomma, un libro che mancava e che, a furor di popolo, piace.

Valerio Colaci

Ritaglio dell'articolo

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.