Quando la speranza chiama la solidarietà

Acquaro, promossa una raccolta fondi per aiutare un ragazzo cardiopatico.

Calabria Ora del 26 Ottobre 2008

Una lodevole iniziativa di solidarietà è stata promossa ad Acquaro dall'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Domenico Scarmozzino, e dalla parrocchia di Santa Maria dei Latini, retta dal parroco don Saro Lamari, nei confronti di una famiglia del luogo che si trova a dover fronteggiare delle considerevoli spese per le cure del figlio affetto da una grave patologia cardiaca.

Francesco Bufalo, questo il nome del ragazzo acquarese, ha 23 anni, viene descritto dagli amici come un ragazzo forte e conduce una vita normale. Gioca a pallone, lavora, aiuta i genitori in casa. Un giorno, però, tale normalità viene intaccata da un'incognita. Circa un anno fa, di punto in bianco comincia ad avvertire dei gravi disturbi respiratori che mettono immediatamente in allarme i genitori, inducendoli a condurre il proprio figlio presso vari centri specializzati, non solo calabresi, per cercare di scoprire la causa di tali insufficienze. Dopo varie consultazioni di medici e varie prescrizioni di inutili cure, come un fulmine a ciel sereno arriva l'amaro verdetto. Il cuore di Francesco è gravemente ammalato ed il ragazzo necessita urgentemente di un trapianto. I genitori decidono di portarlo in un centro specializzato di Pavia dove Francesco viene subito messo in lista d'attesa. Circa un mesetto fa arriva l'attesa notizia della disponibilità di un cuore nuovo donato dalla famiglia di un ragazzo morto ad Udine. L'operazione, eseguita nel mese di settembre, sembra sia riuscita perfettamente e Francesco, grazie alla cultura della donazione che ha determinato questo bel gesto d'amore da parte di un padre ed una madre friulani che non conosce e che non lo conoscono, sta ricominciando lentamente a vivere. Tuttavia, dopo l'operazione, Francesco necessita di una lunga terapia riabilitativa che lo costringerà a frequenti viaggi ed a lunghe degenze nella città lombarda, dove dovrà rimanere assieme ai genitori per essere sottoposto alle continue cure ed all'assistenza dei medici. Tutto ciò determina una grande spesa cui la famiglia stenta a fare fronte. Così, su iniziativa del sindaco e del parroco, è stata indetta, attraverso l'affissione di un volantino, una gara di solidarietà fra i cittadini, invitati a dare un contributo volontario (ci si può rivolgere direttamente all'amministrazione o allo stesso parroco) a parziale sostegno delle ingenti spese che la famiglia Bufalo deve sostenere per dare una nuova speranza di vita al giovane Francesco. Un gesto dal cuore che costa sicuramente poco, ma che può fare tanto. Molti, leggendo il volantino, hanno già manifestato la volontà di aderire. La gara è aperta a tutti e tanti vi parteciperanno. Indubbiamente. Auguri Francesco, per una pronta e piena guarigione.

Valerio Colaci

Ritaglio dell'articolo

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.