Acquaro più forte dei terremoti

Un paese più volte distrutto dai sismi. Deve il suo nome all'abbondanza di acqua. Sono ancora visibili resti del convento francescano del 1600.

Il Quotidiano del 26 Agosto 2008

Acquaro è un piccolo centro nell'entroterra vibonese, conta poco più di 3.000 abitanti e racchiude le due frazioni Limpidi e Piani. Caratteristica principale di Acquaro è la sua posizione geografica; si trova infatti arroccato dentro una valle, tagliato dal suo bel fiume "Amello", primaria e storica fonte di vita per il paese.

Il nome "Acquaro" è dovuto senz'altro all'abbondanza dell'acqua: infatti la zona più antica del paese fu denominata Poteja, nome di derivazione greca che significa luogo dove scorre l'acqua. Successivamente i romani sostituirono il nome greco con "Aquarium" che a sua volta, con il passare degli anni, divenne Acquaro. Non esistono nel paese strutture o edifici risalenti ad epoche antiche in quanto il paese fu più volte distrutto completamente dai terremoti (1659, 1786, 1885 e 1905). Rimangono solo alcune tracce di mura che costituivano l'antico convento dei monaci di San Francesco d'Assisi fondato nel 1664 e inoltre, a breve distanza dal centro abitato, i resti delle mura della chiesa di San Nicola, edificata nel 1630. Molto caratteristico per la sua forma strutturale è il Calvario edificato nei primi anni del 1700. Esso è interamente costruito in pietra ed è sormontato da tre croci; al suo interno è custodito un dipinto raffigurante la deposizione di Gesù Cristo.

Giuseppe Parrucci

Ritaglio dell'articolo

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.