Festa degli emigrati un vero successo

Chiusa la prima edizione.

Il Quotidiano del 15 Agosto 2008

Si sono conclusi domenica scorsa i tre giorni di festa dedicati agli emigrati e organizzata dal gruppo spontaneo del sito amatoriale http://digilander.libero.it/acquarodivibo creato da Domenico Giofrè.

Sono stati veramente giorni intensi che hanno visto la partecipazione di diversi emigrati sia al convegno di venerdì sera, al quale hanno preso parte il sindaco Domenico Scarmozzino, il critico d'arte Franco Luzza, l'esperto dell'Unical Antonino Nicolaci, e sia alla mostra "Tra emigrazione e ricordi", allestita nei locali della scuola elementare. Durante il dibattito è stato inoltre proiettato un video contenente i saluti di alcuni emigrati australiani. E sempre nell'ambito della Festa degli emigrati è stata organizzata la celebrazione di una messa all'aperto presieduta dal parroco Don Rosario Lamari. Ma la partecipazione maggiore si è registrata durante la cena di domenica svoltasi in piazza. Gli organizzatori, grazie alla collaborazione di diverse aziende sparse sul territorio provinciale e oltre, sono riusciti ad organizzare un "mega buffet" a base di prodotti locali e piatti tipici alcuni dei quali preparati direttamente sul posto. Attrazione della serata e forse guinness dei primati della provincia di Vibo è stata la realizzazione di un filone di pane di circa trenta metri imbottito con peperoni e pomodori. Gli organizzatori hanno voluto consegnare una targa ricordo agli emigrati provenienti dall'Australia. La serata è stata animata da un gruppo di brasiliane che hanno coinvolto il pubblico in danze latino-americane. Soddisfazione per la buona riuscita della manifestazione è stata espressa da tutti gli organizzatori e collaboratori che da circa tre mesi sono stati impegnati nei preparativi dell'evento.

Giuseppe Parrucci

Ritaglio dell'articolo

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.