Acquaro, la Pro loco attiva per il restauro

 

Calabria Ora del 18 Febbraio 2012

Organizzazione curata nei minimi particolari dai ragazzi della Pro loco di Acquaro che, a partire dalle 16 di oggi, organizzano in piazza una maxi zeppolata con cui raccogliere fondi da destinare al restauro del crocefisso ligneo del '600, caduto lo scorso mese di aprile da un muretto dietro l'altare maggiore della chiesa parrocchiale, riportando gravi danni.

Un restauro lungo e meticoloso, per un'opera definita da molti pregevole, per il cui recuperare sono richieste varie e delicate fasi, eseguite degli esperti restauratori della Monastia delle Clarisse di Vibo. Per raccogliere i fondi, diverse migliaia di euro, il consiglio pastorale parrocchiale ha deciso di richiedere un contributo alla popolazione ed i componenti, con in testa lo stesso parroco don Saro Lamari, hanno già iniziato a girare casa per casa. A questo si aggiunge la decisione dei membri della locale Pro loco, i quali, di spontanea volontà, si sono attivati con un'iniziativa accolta con grande entusiasmo dal giovane parroco, con cui la collaborazione è frequente e reciproca.
Proveniente dal seicentesco convento della Santissima Trinità, distrutto dal terremoto del 1783, la statua del Cristo in croce risale alla stessa epoca e presenta la lavorazione tipica dello stile francescano. La sua rovinosa caduta, dapprima interpretata come un cattivo presagio dai fedeli, è stata, in un certo senso, provvidenziale, avendo permesso di scoprire il pessimo stato di conservazione del legno, reso inconsistente dal tarlo. Al suo ripristino, la riconsegna è prevista per Pasqua, non poteva mancare il contributo della Pro loco che, come è insito nel suo nome, ha tra i suoi compiti la cura e la promozione del luogo in cui opera e di tutto ciò che di cui esso è costituito.
La zeppolata di stasera, in cui i "curujicchi" saranno preparati in diversi e succulenti modi, sarà anche un'occasione per vivere insieme un piacevole momento di convivialità. Oltre alle zeppole, durante la manifestazione saranno vendute, ad offerta, anche "chiacchiere" e "nacatuli", oltre ad alcuni manufatti realizzati e gentilmente offerti da artigiani del luogo. Inoltre, sono state messe a disposizione del parroco apposite sezioni del sito web della Pro loco e di quello amatoriale del paese, dove pubblicare le coordinate bancarie della parrocchia per permettere anche agli emigrati di dare il loro apporto.
Ma non finisce qui, perché domani mattina, all'uscita della messa domenicale, i soci Pro loco saranno presenti sul sagrato della chiesa a vendere del pane di casa cotto nel forno a legna, appositamente preparato da persone del luogo. Ad esse, a quanti hanno contribuito, e lo faranno, in vario modo, agli artigiani e ad alcune ditte e negozi di Acquaro, Dasà e Soriano, che hanno offerto materiali ed ingredienti, va il ringraziamento dei soci e del presidente Pro loco Toni Corbo, che invita tutta la cittadinanza a partecipare per la buona riuscita del tutto.

Valerio Colaci

Ritaglio dell'articolo

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.