Manno, un orgoglio acquarese

Un paese in festa per la consegnata al pugile della cittadinanza onoraria.

Calabria Ora dell'11 Aprile 2012

«Al cittadino onorario Benoit Manno, per la capacità di rappresentare da protagonista indiscusso, nel difficile mondo della boxe, i valori universali dello sport, proiettando positivamente sulla ribalta mediatica, con i sempre più prestigiosi successi, la comunità acquarese, cui lo legano origini ed affetti condivisi».

È con questa motivazione che, nel pomeriggio di ieri, il consiglio comunale di Acquaro riunitosi all'aperto nella piazza della chiesa ed in seduta straordinaria, ha conferito unanimemente la cittadinanza onoraria al figlio di questa terra Benoit Manno, campione italiano superpiuma di boxe. Un consiglio che, banda musicale presente, si è trasformato in festa popolare per tutta la cittadinanza, che ha partecipato in massa all'evento, conclusosi con un buffet offerto dall'amministrazione, dando calore e vicinanza all'illustre concittadino. Un appuntamento delle grandi occasioni, alla presenza dell'assessore regionale Franco Stillitani e dell'onorevole Gaetano Bruni, in rappresentanza della Regione, di esponenti del mondo politico provinciale e del Comune di Vibo, e delle forze dell'ordine, rappresentate dal maresciallo della stazione carabinieri di Arena Emanuele Stelluti, dal comandante della compagnia di Serra Stefano Esposito Vangone e dal tenente colonnello del comando provinciale Daniele Scardecchia, intrattenutosi a lungo col campione in quanto grande appassionato di boxe.
In apertura della cerimonia, Giuseppe Barilaro ha sottolineato le motivazioni della deliberazione, individuabili nel fatto che Manno è nato e vissuto ad Acquaro sino ai 12 anni, prima di emigrare con la famiglia. Indi, lo stesso sindaco ne ha narrato la carriera sportiva, dal debutto nei dilettanti nel '99 al passaggio tra i professionisti, sino alla conquista della prestigiosa qualifica di campione: «Quella espugnata l'11 novembre 2011, che ci ha visto tutti gioire quando, intervistato, ha salutato la sua comunità che, in tal modo, è salita sul gradino più alto del podio con lui, che rappresenta la sintesi delle sinergie positive che i nostri conterranei sanno dare».
A questo punto, la ciliegina sulla torta, quando Barilaro, rivolgendosi a Stillitani, «cui abbiamo teso una piccola imboscata», e Bruni, ha chiesto loro d'impegnarsi a concretizzare il sogno del campione acquarese: combattere nella sua terra. Richiesta che, ovviamente, ha rivolto anche Manno nel suo commosso intervento, laddove, dopo i dovuti ringraziamenti, ha comunicato la sua «grande emozione nel parlare di fronte ai conterranei, mai provata davanti a nessuna telecamera. Nelle mie vene - ha detto - scorre sangue calabrese, acquarese, che è quello che non mi farà fermare mai. Adesso la mia ambizione è il titolo europeo. E il mio sogno è quello di combatterlo qui accanto a voi».
E Stillitani, naturalmente, ha accettato l'imboscata, dichiarando il proprio impegno - non solo promessa - col presidente Scopelliti che «da sportivo non dirà di no, affinché si possa al più presto concretizzare il sogno di un campione calabrese, che dimostra come i nostri giovani sappiano lottare e farsi valere. Ed il nostro campione, esempio della nostra positività, rappresenta un modello per tutti i giovani».
La consegna della targa da parte del sindaco, cui Benoit ha risposto donando i guantoni con cui è diventato campione, ha suggellato una giornata che le note dell'inno di Mameli hanno reso ancora più carica di significato ed emozione. Il prossimo capitolo della storia vorremmo parlasse del match ad Acquaro.

Valerio Colaci

Ritaglio dell'articolo    Immagini dell'evento Immagini dell'evento

Commenti   

bruno
# bruno 2012-04-13 13:24
Complimenti a Valerio per larticolo dedicato al nostro campione Benoit, ed un saluto speciale a te campione con l'augurio di vederti sempre più in alto Bye Bruno Daniele.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.