Acquaro, il Comune ringrazia Galati per la sua lunga attività

 

Calabria Ora del 27 Dicembre 2012

Dopo quasi 40 anni di servizio, è giunta la pensione per Domenico Galati, dal 1975 dipendente al comune di Acquaro nell'area affari generali - anagrafe demografia e stato civile -, festeggiato venerdì dall'amministrazione comunale, dalla segretaria Michela de Francesco e dai colleghi, ad ognuno dei quali ha rivolto un pensiero simpatico contenuto nel lungo, ironico, ed autoironico discorso di commiato.

In esso ha ricordato i numerosi corsi di perfezionamento frequentati, organizzati dall'Anusca, di cui è stato componente regionale e segretario provinciale. Con riferimento, poi, a coloro che «hanno accolto con soddisfazione il mio pensionamento», si è augurato di rincontrarli da amministratore. Ringraziando l'attuale vicesindaco Saverio Viola - che da primo cittadino, nel 2003, gli conferì la responsabilità del servizio - ha rivolto parole di stima anche verso il sindaco Giuseppe Barilaro «che ha creduto in me e me l'ha riconfermata ». Parole di stima, ringraziamento e scuse se talvolta si è comportato male anche alla segretaria e ad ognuno, o quasi, dei colleghi, da Nicola Maruccia a Pino Larobina, da Giulia Rottura a Rosaria Sorace, passando per "il comandante dei vigili", Mimmo Mammoliti, Francesco Tarsitani, Pietro Zappone, Francesca Fonte e Ferdinando Natale, «che prima di me si sono collocati a riposo», Francesco Tulino, le organizzazioni sindacali e patronali, i carabinieri di Arena, presenti, i colleghi dell'Anusca, fino ad arrivare agli Lsu-Lpu, tutti nominati, «il cui arrivo all'ente si è rivelato assolutamente indispensabile».
Persona disponibile ed aperta al dialogo, Mimmo Galati, a volte, è stato anche oggetto di controversie, per via della sua quasi maniacale tendenza ad applicare alla lettera le normative, come nel caso dell'autocertificazione, dove si è dimostrato inflessibile. Ma lui si è dichiarato essere stato sempre sensibile alle richieste dell'utenza, «perché - ha affermato in altra circostanza - il senso del dovere è stato sempre il mio cavallo di battaglia».
A lui ha rivolto un saluto il sindaco Barilaro, che gli ha consigliato di «godersi i residui di lucidità al di fuori dagli uffici» e lo ha definito «persona per bene. Ora - ha precisato - lo scranno rimasto vuoto andrebbe riempito. Vedremo, se ci saranno le possibilità di raggiungere tale obbiettivo».
Un lauto banchetto offerto da Galati ha chiuso la mattinata, mentre l'amministrazione ed i dipendenti lo hanno voluto salutare con alcuni doni. Auguri a lui per un buon riposo.

Valerio Colaci

Ritaglio dell'articolo

Commenti   

Ubaldo Dore'
# Ubaldo Dore' 2012-12-28 19:28
E' venuto a mancare un altro pilastro negli uffici del comune di Acquaro. Le cose vanno in questo modo, largo ai giovani. Auguri a Mimmo Galati!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Carmela Rodolico
# Carmela Rodolico 2012-12-29 10:05
Formulo anch'io auguri intensi di serenità,di benessere e di meritato riposo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Michelangelo Natale
# Michelangelo Natale 2013-01-01 12:23
Sono passati tanti anni eppure mi sembra ieri che Mimmo Galati, vincitore di pubblico concorso, ha preso servizio presso il Municipio di Acquaro. Gli impiegati allora eravamo in due: io e l 'indimenticabil e Alessio ed il suo arrivo ci fu di grande aiuto ( non ricordo bene se la Sig.ra Fonte è arrivata dopo). Mi ha subito colpito la sua grande voglia di lavorare, la sua umiltà e la sensibilità con la quale affrontava le varie problematiche dei nostri compaesani. Era sempre disponibile e pronto ad ogni evenienza. All'amico Mimmo auguro di godersi il meritato riposo ricco di tanta salute e nel contempo lo esorto a tenere sempre vivi quegli interessi per le tante iniziative sportive e culturali che nel passato ha curato con tanta passione e dedizione nel nostro Comune.
Un abbraccio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.