Per onorare la memoria di Filippo Ceravolo

 

Calabria Ora del 4 Maggio 2013

«Nel giorno del tuo ventesimo compleanno, vibri più vivo nei nostri cuori, sei ancora in questi occhi, in ogni parola, in ogni respiro; benché ti abbiano strappato via, come si strappa un tenero fiore da salde radici, ingiustamente, barbaramente, crudelmente. Nel nostro dolore, in questo giorno che avrebbe dovuto essere di festa, sei l'abbraccio eterno che non può avvolgerti, nostro piccolo sole, nostra gioia, nostro infinito amore, nostro vuoto incolmabile. Sei ogni nostro battito, oggi, ieri e domani, sempre… Buon compleanno, Pippo. La tua mamma Anna, papà Martino, le tue sorelle Giusy e Maria Teresa, tuo cognato Simone e tutti i tuoi cari».

È con questa frase struggente, riportata in un manifesto affisso per le vie dei centri del vibonese, che questo pomeriggio i familiari, stretti da tutta la comunità, si apprestano a ricordare - in primis con una santa messa officiata alle 17 nel santuario di San Domenico - Filippo Ceravolo, nel giorno del suo ventesimo compleanno che una mano barbara, lo scorso 25 ottobre, ha impedito potesse essere celebrato. Sette mesi sono passati da quella maledetta sera in cui, di ritorno a casa dopo un pomeriggio passato con la fidanzata nella vicina Vazzano, nell'auto di un conoscente cui aveva chiesto un passaggio, Filippo diveniva bersaglio sbagliato di una mano senza scrupoli e sinora rimasta anonima. Mesi di lacrime per una comunità ed un intero comprensorio. Mesi di dolore per una famiglia che non riesce a darsi pace per una morte da sempre definita assurda. Mesi, soprattutto d'attesa per avere verità e giustizia ed appelli, da parte di papà Martino agli inquirenti ed alle forze dell'ordine, a fare presto e ad assicurare alla legge gli autori dell'omicidio dell'amato figlio. E, anche la manifestazione di oggi, oltre che al ricordo, mira alla sensibilizzazione e all'esortazione delle forze dell'ordine e degli inquirenti «per evitare – così si esprimeva Martino in una nota con cui nei giorni scorsi veniva annunciata la manifestazione – che altri giovani, la cui vita è in pericolo, facciano la stessa fine e vi debbano essere dei genitori a piangerli». E, quella per la verità è una lotta che Martino ha dichiarato di voler combattere fino all'ultima forza che gli rimarrà. L'invito, oggi pomeriggio, è rivolto a tutti, compresi gli organi di stampa, chiamati a mantenere vivo il caso e l'attenzione su un territorio che, negli ultimi tempi, si è trasformato in un vero e proprio mattatoio a cielo aperto. Dopo la messa, familiari e amici si sposteranno al vicino cimitero per condividere con la comunità un intimo momento di preghiera e riflessione. Contemporaneamente, in cielo, mentre gli angeli intonano "happy birthday", si spegneranno venti candeline. Auguri Filippo, con l'auspicio che il regalo più bello che tu e la tua famiglia possiate ricevere sia quello di avere al più presto giustizia.

Valerio Colaci

Ritaglio dell'articolo

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.