Manno avvicina il titolo europeo

Il boxeur acquarese batte l'ostico Laze e compie un bel balzo in classifica.

Il Quotidiano del 27 Giugno 2013

Il titolo europeo per il pugile acquarese Benoit Manno è sempre più vicino. Infatti, con la nuova ed entusiasmante vittoria incassata alle Cupole di via Artom a Torino contro l'italo albanese Suat Laze, Benoit ha fatto un bel salto nella classifica europea guadagnando quasi dieci posizioni e piazzandosi così al 19° posto.

Un match, quest'ultimo, che il mancino calabrese ha sentito molto emotivamente sia perché si trovava di fronte a un avversario duro e finora imbattuto in Italia (professionista anche di full contact e kick boxing, vice campione europeo superpiuma nonché vincitore del torneo di coppa Italia di boxe) e sia perché la vittoria rappresentava la prima vera scalata ad un titolo europeo al quale da tempo aspira.
«Il giorno antecedente il match l'ho trascorso a concentrarmi ci racconta Benoit - ed a pensare a tutte le strategie studiate col mio maestro Bruno Vottero». In merito alla vittoria dice di «aver superato un grande scoglio e la mia prestazione è molto piaciuta, ma io non sono affatto soddisfatto di me. So che posso fare meglio. Mi sono reso infatti conto che sul ring non mostro tutto il mio potenziale, ma solo una piccola percentuale, di conseguenza dovrò lavorare ancora più duro, non però sulla parte fisica - precisa Manno ma piuttosto su quella psicologica. Solo così posso dimostrare tutto il mio talento sul ring».
Tornando al match contro l'albanese Suat, Manno, che è salito sul ring accompagnato dalla musica popolare del gruppo calabrese "Tarantproject" guidato da Mimmo Cavallaro e Cosimo Papandrea, ha vinto tutte e sei le riprese sviluppando un buon lavoro col jab tenendo lontano l'avversario per evitare che accorciasse le distanze. Suat, d'altronde è uno che va dentro e predilige il corpo a corpo. «Per evitare ciò - spiega Manno - ho portato tanti diretti per tenerlo a distanza», mentre alla quinta ripresa è riuscito a infliggergli un diretto sinistro al plesso solare che gli ha tolto le forze tant'è che da lì in poi Suat non ci ha neanche più provato ritirandosi in una stretta difesa. C'è da dire anche che Manno in una delle sei riprese ha subito «un colpo gancio ladro che mi ha colto di sorpresa» ma che ha cercato di non farlo capire all'avversario, riuscendo di fatto, come un giocatore di poker, a bluffare al meglio per nascondere bene il dolore. Verdetto finale: vittoria ai punti per il pugile acquarese che si avvicina sempre di più al tanto aspirato titolo europeo.
Un vero e proprio successo a dimostrazione, che ancora una volta, Manno non si smentisce sugli obbiettivi che si prefissa di raggiungere. «Il mio prossimo obiettivo è quello di combattere per un titolo internazionale ad Acquaro». Un accorato appello che altro non è che la realizzazione di quel sogno che Benoit tiene ancora nel cassetto nella speranza che si possa realizzare. Se poi "malauguratamente" non si riuscirà ad organizzare nel suo paese «alla fine, chiederò al mio procuratore di organizzarlo a Torino». Lanciando poi uno sguardo al futuro «il mio obiettivo è lo scettro europeo».

Giuseppe Parrucci

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.