Acquaro, "Amici di S. Rocco" costituita l'associazione laica

 

L'Ora della Calabria del 17 Settembre 2013

Incontro partecipato, volto alla raccolta delle adesioni all'associazione europea "Amici di San Rocco", nata su iniziativa del parroco don Saro Lamari.

Dopo un preambolo dello stesso, a spiegare ai presenti la conformazione e le funzioni dell'associazione è stato Arcangelo Carrì, segretario della medesima a San Costantino e responsabile provinciale della stessa per Catanzaro e Vibo, provincia, che, con l'adesione di Acquaro (insieme a San Costantino, Maierato, Simbario, Filandari e, prossimamente, Calimera e Polia), vanta il gruppo più numeroso d'Italia. Carrì ha ripercorso le tappe della nascita del gruppo, il primo a Vibo 6 anni fa, di San Costantino che, partito dagli iniziali otto componenti, è arrivato a contarne una settantina, attivi nell'organizzazione della festa patronale locale, nelle diverse attività in cui è impegnata l'associazione ed in vari iniziative dei più svariati generi, come la ristrutturazione di edifici religiosi, piuttosto che l'organizzazione di eventi volti all'impegno sociale, come la raccolta di derrate ed abiti per gli immigrati di Rosarno ed altri bisognosi. Quanto all'associazione in generale, l'ha definita seria, laica, ma in linea con i principi della Chiesa, aperta a tutti, di tutte le età, e dedita ad opere di carità, come dimostra il fatto che la somma per l'iscrizione (inizialmente 35 euro - che danno diritto alla tessera, alla mantellina del santo, ad un libretto di preghiere ed alla rivista quadrimestrale -, successivamente 15) viene spedita a Roma e impiegata per fare beneficienza. Indi, qualche cenno sul fondatore, procuratore e guardiano delle reliquie del santo, Costantino De Bellis, un laico consacrato, ex maggiore dell'esercito che, folgorato dalla figura di san Rocco, ha mollato tutto per seguirne le orme, fondando l'associazione, il cui funzionamento è simile a quello di una confraternita, con la previsione di un direttivo di 5 membri che agisce sotto la supervisione del parroco. Dopo un breve cenno, poi, alla festa patronale di Acquaro, «una delle più rinomate della provincia che sarebbe un peccato perdere», Carrì ha fatto un parallelo tra l'umanità del santo francese a quella di papa Francesco, affermando che «mai come adesso è attuale seguire i passi di san Rocco e dirigersi nel cammino verso lo Spirito Santo. Si può fare tanto - ha chiosato - ma occorre l'adesione convinta di persone attive, serie e responsabili».
Una quarantina già a conclusione dell'incontro, con le iscrizioni aperte, per chiunque voglia partecipare alla formazione del direttivo, sino a domenica prossima. Il tutto in vista del viaggio del prossimo 12 ottobre a Roma - ad apertura dell'anno liturgico dedicato al santo - per il quale il vicesindaco Saverio Viola ha assicurato che proporrà un contributo economico in giunta.

Valerio Colaci

Ritaglio dell'articolo

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.