Manno vince ancora

Acquaro loda il campione.

L'Ora della Calabria dell'1 Ottobre 2013

Non c'è stata storia. Nel match svoltosi sabato scorso a Ponte di Breda (Pd) - nel sottoclou del titolo europeo dei superpiuma riconfermato da Devis Boschiero - Benoit Manno, il pugile acquarese già due volte campione d'Italia, ha letteralmente umiliato l'avversario, non più il siciliano Michelino Di Mare (cambiato 2 giorni prima dell'incontro perché troppo inferiore) ma il laziale Luigi Mantegna (già sconfitto nel match di conquista del titolo italiano del novembre 2011), battendolo ai punti e scalando ulteriormente la classifica valida per un titolo europeo.

Merito suo e della preparazione minuziosa, realizzata con il maestro Bruno Vottero, il preparatore atletico Andrea Pirrello ed il suo coach mentale Luigi Lorenzoni, con il fratello Florian immancabile al suo fianco a dargli il giusto supporto morale. Dopo i primi due round passati dai contendenti a studiarsi reciprocamente, con Mantegna che ha cercato più volte l'affondo verso un Manno agile e sfuggevole che, invece, ha mandato a segno diverse serie di pugni, la netta superiorità del calabrese si è registrata a partire dalla terza ripresa, allorquando Benoit ha sferrato un micidiale gancio al fegato dell'avversario che è stato decisivo per l'intero incontro, in quanto il laziale ne è risultato irrimediabilmente fiaccato, riuscendo, si, a concludere il combattimento, ma con i remi tirati in barca e costretto da un incalzante Manno a ritirarsi spesso alle corde fino al suono dell'ultimo gong che ha decretato la vittoria unanime ai punti del calabrese.
Un'ulteriore affermazione e soddisfazione per Benoit, il quale, avendo preparato intensamente l'incontro durante l'estate senza un giorno di ferie, attualmente si trova già in Francia, a Parigi, dove vivono il fratello Florian e sua madre e dove trascorrerà una meritata settimana di riposo.
Tornando all'incontro di sabato, è un Manno che convince sempre di più quello che sta crescendo match dopo match. E convince sia il pubblico, circa 1500 appassionati che hanno salutato la sua vittoria con un fragoroso applauso, sia il procuratore Salvatore Cherchi, già manager del conterraneo Giovanni Parisi, che gli ha già detto che combatterà nuovamente, a dicembre, o a gennaio al massimo, per riconquistare quel titolo italiano dei superpiuma che nel recente passato conquistò e difese e che, successivamente, fu costretto ad abbandonare per via di un infortunio prima del combattimento per la seconda difesa dello stesso. Questo gli consentirà di incrementare considerevolmente i punti in classifica e combattere, finalmente, per il titolo europeo o dell'Ue.
Rimane il cruccio per quel combattimento sfumato a 15 giorni dal suo svolgimento ad Acquaro, dove Manno voleva coronare il sogno di lottare innanzi ai suoi compaesani, sogno sfumato per la beffa giocatagli dai suoi ex manager, i Conte Cavini di Genova, con i quali vi è aperta una vertenza che stanno curando gli avvocati.
Per il resto è una carriera al top quella di Benoit, che adesso si sta godendo gli allori dell'ultima vittoria passeggiando sulle rive della Senna o ammirando la Tour Eiffel, prima di rimettersi nuovamente sotto per la preparazione del prossimo appuntamento agonistico e dare ai suoi tifosi ulteriori soddisfazioni.

Valerio Colaci

Ritaglio dell'articolo

Commenti   

Carmela Rodolico
# Carmela Rodolico 2013-10-02 13:21
Molti auguri a te, caro Benoit ..I tuoi successi mi fanno felice. Bravo. Felicitazioni carissime. Ciao!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
ben
# ben 2013-10-02 18:31
Grazie maestra Carmela....un abbraccio a tutti i miei cari paesani. Farò di tutto per organizzare un match ad Acquaro entro questa estate ,a costo di pagare di tasca mia.a presto.benoit
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Carmela Rodolico
# Carmela Rodolico 2013-10-02 20:02
Ciao. Adesso ti aspettiamo ad Acquaro.A presto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.