"'A ncrinata" di Anna Maria Chiapparo


Chi festa accussì bella c'avimu 'nta stu paisi.
Maria addolorata call'improvvisu diventa filici.
Giuvanni cu libbru 'nte mani, diventa 'mbasciaturi po sua Signuri.
E gesù risuscitatu o chi festa e chi sprenduri!
Aspetta Maria 'nta chiesuleja mentre u paisi a festa vestuto
'nte strati camina ca para fiurutu.
Vestiti virdi, janchi, gialli... e di nu russu assai delicatu ca
pell'occasiuani avianu accattatu.
Sona a banda ca non capiscia: pedija ogni cosa priastu ava u finiscia.
Su forestieri e non puannu capire ch'iu ca pe nui voddire.
I chija vanda, ammucciatu a Manetta, aspetta u Signuri c'arriva
Maria in tutta fretta...
Fuja Giuvanni e non rifiata u ci porta a mammasa sta bella 'mbasciata.
Maria ca non ci crida, ma vola mu vida, scappa purja e nenta talija.
Aggianti coriusi all'improvvisu diventanu tutti smaniusi.
U cuari si ferma e non vola parrare fino a quandu no senta sparare.
Arriva u Signuri di russu vestuto e a mammasa duna nu bellu salutu.
Maria ch'è dolurusa, all'improvvisu diventa radiusa.
U mantu nigru scumpare e i bumbi cumincianu a sparare.
I campani e a banda a sonare e aggianti torna a parrare...
Eccu Gesù, Maria e Giuvanni ca vannu avanti accussì da tant'anni.
Sembra nu juacu di cotrariaji, ma criditimi: i cuasi su seri!
Pasca non è festa di parata, ma pe l'acquaruati, festa tantu amata!

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.