"A vecchjareja" di Nicola Vetere


Quantu è allegra a vecchiareja
Quandu u sula sprendurija
ca imbiaci u stacia inta nescia fora e si' coddija
Quandu è viarnu povereja
trema cuamu na fogghja
e gira casci casci pe cuviarti u si cumbogghja
ija prega prega e speramu ncia facia u passa u viarnu
accussi vida a primavera
Marzu già passau
Aprili è arriadu a porta
a vecchja tutta allegra
nescia fora e si cumporta
pua guardau o Signuri
e u vozza ringraziare
dissa pe una cumu a mia u viarnu e bruttu a passare
stacia arrivandu Giugnu
e cuminciava u si preja
volia u dassa a vecchiaja
e mu torna giuvaneja
tutta allegra passau Lugliu
e vinna puru Agustu
pa vecchia cuminciava nuju viantu u mina giustu
Settembre era di trenta
Ottobre era trentunu
ma ija pa paura
cuntava i juarni a unu a unu
ma pua arrivau Novembre
era truappu pruaccupata
e dissa fuacu mio
cui a passa sta vernata

Commenti   

Rosamaria mazza
# Rosamaria mazza 2014-09-08 14:45
Bravo Nicola, E`propia bella sta poesia !
Continuero`a leggere le tue belle poesie! :)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Anna
# Anna 2014-09-09 21:35
Che simpatica.Compl imenti Nicola!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.