"Carnelevare" di Lino Rottura


Veniti, fujiti è Carnelevare,
'nte strati ad Acquaru, si sentia gridare.
Era nu gridu di gioia e di cuntentizza,
'ndi ricorda i juarni di la giovinezza!

Vicu pe' vicu e a tutti li spuntuni,
si dicia:"muarti allu puarcu e saluti a lu patruni",
e cu lu scannaturi s'ammazzava d'inta a la majija,
e li fimmani cogghianu lu sangu 'nta a la teja.

E intantu chi l'acqua gugghia 'nta coddara,
io ch'era cotraru da' cuda volia tenira,
cu' cannella, zuccaru e cacau amaru,
si girava lu sanguinazzu supa a lu focularu.

Salimuari, frittuli, sotizzi e supprassata,
'nu bicchiari i vinu, pua tutti 'nta la strata,
cu quattru panneja e tutti spensierati,
'ndi 'nda jiamu vichi, vichi vestuti i mascherati.

Pe' poteja, a chiazza e pa' chiesuleja,
jiamu cantandu strati, strati e pe' casi 'mbiviandu vinu,
mo' 'nci vola Pulcinella, Pantalone, Colombina ed Arlecchinu,
sinnò Carnelevare non è na cosa beja.

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.