"La buona parola" di Passionacquaro


Inveiva il vecchio, sbraitava il giovine
Su quel disgraziato lavoro, sudore e sangue.

Nostalgia del vecchio e duro
Quando non si riesce a costruire alcun muro.

Lacrime e canti udivi
Sui desolati campi e le vigne

In estate e inverno negli argentei ulivi
Silenziosi e mesti lavoratori

In basso a terra pulivano i lucidi frutti
Da foglie e ramoscelli.

Grida e urla fino a mezzodì
E poi rassegnati dopo il povero desco

Finiva così la serata
Malinconia di una giornata andata.

Finivan così le bestemmie e la fatica
E tornava la buona parola per la vita.

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.