"La capanna" di Nicola Vetere


La terra era bianca
il cielo era sereno
una stella luminosa
si vedeva da lontano

Quella stella non era il sole
e nemmeno la stella polare
era una stella mandata da Dio
per illuminare il santo Natale

Il luminar della stella
ci dava un'indicazione
Guidandoci verso la grotta
Dove c'era il redentore

Seduto accanto a lui
c'era un uomo vecchierello
Quello lì era suo padre
San Giuseppe il poverello

Che gioia e che splendore
che aveva la sua mamma
con il suo viso splendente
illuminava la capanna

la mucca e l'asinello
Non cercavano niente più
perche' avevano come ospite
il redentore bambino Gesù

Che sorpresa alla capanna
con la visita dei Re
Gli hanno detto Gesù mio
Questi doni sono per te

Inchinandosi, Gesù mio
siamo qui solo per te
e gli hanno detto da oggi in poi
sarai tu il nostro Re

Commenti   

Carmela Rodolico
# Carmela Rodolico 2010-12-13 20:18
Scrivere poesie non è difficile; è difficile viverle. Lei riesce a vivere le sue poesie. Ecco perchè sono così tenere e commoventi. Grazie .
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.