"Penzionati" di Antonio Perugino


Un pensionato mette in guardia l'amico dai pericoli di una frequentazione con una donna straniera molto più giovane, madre di un figlio e con un discutibile passato.

L'allusione:

Ma è vera 'sta storia
ca frequenti chija tro… fìmmana?

La replica indignata:

Trùappi parùali, trùappi pregiudizi,
io su' ùamu di fede e senza vizi
e si 'a saluti no' peggiora
a mia 'u sangu mi gùgghija ancora.

È bella, giuvana e di cumpagnia
ogni ùamu 'a volarìa
e allura spiegami, pe' cortesia,
pecchì vozza propriu a mia?

L'invito a essere ragionevole:

Non è questiùani di preferenza
tu o n'atru non fa differenza
dammi retta: non è 'u cùari chi cumanda
si una è sula e cu' figghji randa.

Ma tutto sommato…

Dassa stara pecchì e pe' cùamu,
ma tu mi guardasti bùanu?
Senza vantu e senza lustru
l'anni chi aju n'e dimustru.

Allura si!

Hai ragiuni! Cunta 'a sustanza
ma puru 'a bellezza ava importanza
e siccùamu tu si' bìaju
ti pigghjàsti vacca e vitìaju.

Commenti   

Passionacquaro
# Passionacquaro 2012-07-17 13:17
e bravu a Perugino con i suoi stornelli che ci tengono allegri e la sanno lunga sulle questioni vecchie e nuove.

Complimenti per gli scritti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.