"'U lavuru è lavuru" di Antonio Perugino


Una storia vera. A un operaio, dipendente comunale, è affidato l'incarico di ripulire un pezzo di strada, più un modo per tenerlo occupato che una reale esigenza ambientale.

Siccùamu 'u lavuru era trùappu pisanti
partìu prìastu cu' pala e 'nguànti
ma cu' calma e senza aiutu
finìu assai prima d' u dovutu.

No' fìcia 'n tìampu 'u s' assetta
ca s' addormentàu 'nt' a lambretta
e 'nt' a campagna, senza rumuri,
dormìu pe' cchijù 'i dui uri.

Quandu si rivigghjàu, mìanzu 'ntronatu,
l'orariu 'i lavuru era già passatu
e pensandu ca nuju 'u stacìa sentìandu
s'avviàu p'a casa dicìandu:

"Pe' la Madonna d' u Rosariu,
a mia cu' m' u paga 'stu straordinariu !!!"

Commenti   

PassionAcquaro
# PassionAcquaro 2013-07-30 12:55
Salve,
questa e' proprio una storia vera, ma non era un impiegato comunale e mancu nta lambretta, ma e meglio soprassedere.

bella poesia complimenti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.