"U palumbaru" di Pietro Carnovale


Na sira ndi partimme a tarda ura
E ndinda jimma a lu Palumbaru
Scappandu li nchianati e a menzura
Arrivamme c'u' juarnu e ad orariu

Peppinu i Sinogrande disse: "Pijjati e mangiati,
Nc'e' puru vinu, mbiviti quantu voliti,
Nc'e' pane, hurmaggiu e suppressati,
Quandu siti sazi e pruanti, pue trasiti

Mbiscamme russu e jancu. Ndi girava a testa
Ogni cosa chi bidiamu ndi paria buffa
U Massaru Vicianzu disse: "Mbiviti, oje e' festa"
Peppinu rispundiu: "U vinu vuastru heta i muffa"

Stasira e' nna sirata d'allegria
Stu buttigliuni ormai e' quasi vuatu
Gidimundi mo chi ssimu ncumpagnia
Ca u vinu mio, Penninu, heta i puacu.

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.