"U sordatu solitariu" di Anna Maria Chiapparo


Nota dell'autrice: ...visto che in questo periodo si parla tanto del nostro monumento ai caduti, ho pensato di proporre questa mia lirica scritta nel 2008. Per me il monumento ricorda i nostri uomini acquaresi, caduti per la patria con i pensieri al paese natio e agli affetti familiari.

Supa a na colonna di marmu janchijatu, sulu sinda sta nu sordatu.
Divisa brutta, grigia e paurusa, ava misa supa a chija tomba silenziusa.
Luntanu guarda e non si sapa adduva, cerca amuri e non 'nda trova. Cappiaju duru ava supa a testa e 'ncunu penziaru, fuarzi 'nci resta.
Cu u cuari chiusu 'nto piattu scuru, guarda, guarda, ma trova sulu nu muru.
A cui aspetta non si sa, ma da tantu tiampu è jà.
Maestuso e 'mpetturutu, cu sa si è di ccà chiju sordatu.
A guerra u mandaru e non si sa si  tornau cchiù ad Acquaru.
Tornau o non tornau, cuasi brutti trovau e guardau.
'Nto cuari si portau fino a quandu campau.
Guardianu silenziusu, ubbidianti e giudiziusu, cu fucili appojatu, aspetta d'essere cumandatu.
Passanu l'anni e non tornanu cchiù,
iju è sempa chiju chi fu.
A Malamotta, a chiazza e a Poteja fuarzi cerca cu l'uacchi na giuvaneja.
Giuvaneja fuarzi perduta c'aspettau pe tutta a vita...
Supa o marmuru ci su nuami stampati di omani chi furu sordati.
Eranu mariti e patri 'nnamurati, furu fijji mai tornati.
Chiji tiampi su luntani, ma pensamu ca c'eranu paisani.
Tiampi brutti iji passaru e ad Acquaru e all'Italia i sarvaru.
Nu ricuardu e stu sordatu ca ogni annu è onuratu, ma ogni juarnu, sulu, sulu o accumpagnatu, i nuju è mai cchiù mantugatu, pecchi a guerra è nu bruttu trattatu.

Lock full review www.8betting.co.uk 888 Bookmaker

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la Cookie Policy.